Ladispoli: incendiano un’auto e riprendono la scena con il cellulare. Arrestati

I Carabinieri hanno arrestato un 53enne e un 27enne, entrambi di Ladispoli con le accuse di incendio
Infernetto: chiesta chiusura bar
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ladispoli: incendiano un’auto e immortalano le loro “gesta” con il cellulare. Due persone sono state arrestate dai Carabinieri.

Ladispoli: incendiano un’auto e riprendono la scena con il cellulare. Arrestati

Nel corso di uno dei quotidiani servizi di controllo del territorio, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato un 53enne e un 27enne, entrambi di Ladispoli e con precedenti, con le accuse di incendio e danneggiamento a seguito di incendio.

Nella tarda serata di ieri, intorno alle 23:30, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e del Comando Stazione di Ladispoli hanno sorpreso i due che, dopo aver versato una bottiglia di liquido infiammabile su un’auto in sosta in una via del Cerreto, hanno appiccato le fiamme. Vista la scena, i militari sono immediatamente intervenuti, bloccando i malviventi ed evitando che le fiamme devastassero completamente l’autovettura, che ha riportato solo lievi danni alla parte anteriore.

Non accorgendosi dell’arrivo dei Carabinieri, uno dei due piromani è stato sorpreso mentre stava filmando col proprio telefono le fiamme che andavano via via propagandosi. L’altro è stato trovato in possesso della bottiglia all’interno della quale era contenuto il liquido infiammabile.

Sia il telefonino che la bottiglia sono stati sequestrati. L’autovettura è risultata appartenere ad una donna del posto. Sono tuttora in corso ulteriori accertamenti finalizzati a risalire al movente del gesto.

Gli arrestati sono stati posti agli arresti domiciliari, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

Leggi anche:Omicidio Marco Vannini: archiviata la posizione della pm D’Amore

Omicidio Marco Vannini: archiviata la posizione della pm D’Amore