Coronavirus: Tempi difficili per i Bar. Stimata una perdita superiore al 50% del proprio fatturato

Coronavirus: La Guida BlueBlazer ha realizzato un’indagine sul settore. IL 99% degli intervistati registra segnali di crisi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Coronavirus: Tempi difficili per i Bar. La Guida BlueBlazer ha realizzato un’indagine sul settore. IL 99% degli intervistati registra segnali di crisi. Stimata una perdita superiore al 50% del proprio fatturato.

Tempi difficili per i Bar. La prima indagine specifica sul settore, realizzata dalla guida BlueBlazer, rivela che più della metà dei locali di tutta Italia prevede una perdita superiore al 50% del proprio fatturato nel 2020. È stato sottoposto un questionario per fotografare l’attuale situazione, stimare le prospettive economiche e proporre possibili soluzioni. Il dato mostra quanto l’emergenza del coronavirus pesi già adesso, avendo il 99% degli intervistati registrato segnali di crisi.

In particolare a preoccupare manager e proprietari di Bar sono nell’ordine: canone di affitto delle strutture, retribuzione del personale, gestione dei fornitori, oneri relativi a finanziamenti e mutui.

Il 90% dei locali della capitale stima di avere un calo tra il 21 e l’80% del proprio fatturato. Anche gli hotel bar stimano una diminuzione dei propri guadagni superiore alla metà, ma la maggior parte del campione quantifica l’apporto turistico inferiore al 50%. Infine, l’ultimo quesito dell’indagine chiedeva, attraverso una domanda aperta, quali possano essere gli interventi per contrastare la crisi. La quasi totalità dei titolari troverebbe necessario un deciso alleggerimento della pressione fiscale e un immediato accesso agevolato alla liquidità. Una delle proposte riguarda la possibilità di favorire la produzione di distillati, vini e birre attraverso forme di riduzione delle imposte dirette. Un’altra risposta frequente è il riordino della regolamentazione del settore utile ad arginare il lavoro sommerso.

Potrebbe interessarti anche: Fase 2, Bordoni: “Per bar e ristoranti tutto rimandato di un mese”

Potrebbero interessarti