Giuseppe Cangemi (Lega): “Balneari, applicare la legge sul rinnovo delle concessioni”

L’emergenza covid ha colpito anche il settore turistico marittimo, e i balneari chiedono la proroga delle concessioni al 2033. Cangemi (Lega): “Comuni recepiscano legge Centinaio”
balneari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Per i balneari, colpiti dalla crisi scatenata dall’emergenza covid-19, il vicepresidente del Consiglio Regionale del Lazio Giuseppe Cangemi (Lega) chiede la proroga delle concessioni per gli stabilimenti fino al 2033. Una possibilità garantita da una norma inserita nel Decreto Rilancio (leggi qui).

“La Regione Lazio e i Comuni si impegnino a tutela del settore balneare, recependo e applicando la legge Centinaio, che estende le concessioni fino al 2033“, afferma in una nota il vicepresidente del Consiglio Regionale del Lazio.

“L’intero comparto turistico – sottolinea Cangemi – è stato pesantemente colpito dall’emergenza COVID, ma il settore ricettivo stagionale ha subito contraccolpi ancor più duri”.

“Serve l’impegno di tutti a garanzia del futuro dei tanti operatori balneari, che con il loro lavoro generano indotto e occupazione sul nostro territorio”, prosegue il vicepresidente del Consiglio Regionale.

“Grazie alla sentenza del Tar di Firenze non ci sono più scuse: i comuni si adeguino, si garantisca sicurezza e futuro ad un settore in profonda crisi”, dichiara Cangemi.

Il Comune di Roma tuttavia si oppone alla proroga delle concessioni fino al 2033. Il Campidoglio ritiene infatti che vada applicata la direttiva europea Bolkestein, secondo la quale le concessioni devono essere rimesse tutte a bando.

(foto in copertina di repertorio)

redazione@canaledieci.it

Leggi anche: Decreto rilancio: concessioni demaniali estese al 2033. Federbalneari esulta

Decreto rilancio: concessioni demaniali estese al 2033. Federbalneari esulta

Potrebbero interessarti