Guardia Costiera: avviato monitoraggio per fotografare lo stato di salute del mare

La Guardia Costiera ha programmato un’intensa attività di monitoraggio per fotografare lo stato di salute del mare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Dal lockdown alla ripartenza: la Guardia Costiera ha avviato una campagna per “fotografare” lo stato attuale del mare e delle aree protette.

L’obiettivo è di acquisire informazioni e dati scientifici riguardanti le aree marine protette durante il periodo di lockdown e nella fase immediatamente successiva. Infatti, lo stop delle attività industriali e il ridotto numero di persone presenti nei porti e nelle spiagge, solitamente affollate da bagnanti e diportisti già in questo periodo dell’anno, ha prodotto un notevole miglioramento delle condizioni generali degli habitat naturali.

Le operazioni coinvolgeranno anche l’Arpa Lazio e l’Istituto Superiore per la protezione e la ricerca ambientale, che collaboreranno con i nuclei sub della Guardia Costiera, fornendo misurazioni scientifiche e supporto logistico.

L’attività prevedrà la rilevazione di immagini della flora e fauna marina e il censimento degli avvistamenti di specie inconsuete in prossimità di aree fortemente antropizzate. Questa campagna di monitoraggio si affianca alle altre iniziative promosse dal ministro Sergio Costa, su impulso dell’associazione Marevivo e a cui il corpo delle Capitanerie di Porto fornirà il proprio contributo operativo.

 

Potrebbe interessarti anche: Palidoro: una tartaruga “Caretta Caretta” morta è stata rinvenuta in spiaggia

Potrebbero interessarti