Acilia, Parco della Madonnetta: incendi, atti vandalici e degrado

Incendi, danneggiamenti e degrado: nel Decimo municipio si moltiplicano gli appelli per il Parco della Madonnetta. Purtroppo malgrado i pericoli lo spazio non viene né messo in sicurezza né bonificato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Acilia, Parco della Madonnetta: ragazzini italiani che si drogano e senzatetto stranieri che bevono: la strana convivenza all’interno degli spazi dell’ex Punto Verde Qualità della Madonnetta ce la racconta un clochard intervistato da Mara Azzarelli

 

Acilia, Parco della Madonnetta: incendi, atti di vandalismo e degrado

Incendi, danneggiamenti e degrado: nel Decimo municipio si moltiplicano gli appelli per il Parco della Madonnetta. Alcuni giorni fa era stato il segretario del Pd Ama Flavio Vocaturo, con un reportage fotografico, a denunciare gli incendi che negli ultimi mesi si sono sviluppati nell’area sempre più sporca. (Leggi qui la notizia)

Purtroppo malgrado i pericoli lo spazio non viene né messo in sicurezza né bonificato. Ferri arrugginiti e vetri ovunque rendono quest’area estremamente pericolosa. I campi da basket, quello da tennis e le varie zone all’aperto sono stati saccheggiati dai vandali. In più punti ci sono i resti di incendi che sono stati appiccati negli ultimi mesi. La recinzione di quella che un tempo era una palestra è stata completamente distrutta.

Acilia

È qui che conosciamo Constantin, un senzatetto che con altri uomini ci racconta di vivere nell’area, svelandoci i retroscena che confermano la pericolosità del posto.

All’interno dell’area convivono dunque senzatetto e ragazzini fra vetri rotti, alcol e droghe. I senzatetto ci  vivono, i giovani si avvicinano solo in occasione di piccoli festini il pomeriggio e la sera con il serio rischio che prima o poi qui dentro qualcuno si faccia male sul serio. A quel punto si che sarà inutile intervenire con le bonifiche.

Nel servizio di Mara Azzarelli l’intervista.

 

Leggi anche:  L’Ospedale Grassi resta Covid-free

L’Ospedale Grassi resta Covid-free

Potrebbero interessarti