#noZTLRomacentro: Confcommercio Roma lancia una petizione su change.org

La petizione ha già superato le 600 adesioni
petizione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

“Quando si spegne un’insegna muore un pezzo di città: nessuno sa quando potrà rinascere. Non deluda chi lavora per creare ricchezza a Roma!”

Con queste parole Confcommercio Roma lancia un appello alla sindaca Virginia Raggi, affinchè sospenda l’attivazione della ZTL, complice di aggravare la situazione già precaria di molti imprenditori del centro storico della Capitale. A questo proposito l’associazione ha avviato una petizione su change.org che ha già superato le 600 adesioni.

Confcommercio Roma lancia la petizione #noZTLRomacentro

“I commercianti romani stanno vivendo un momento di grande difficoltà: in centro non c’è turismo, gli uffici sono vuoti e le attività commerciali stanno chiudendo.  – si legge nel testo della petizione lanciata da Confcommercio. – L’attivazione della ZTL aggrava questa difficile situazione.

Manifestiamo il forte scontento e il rammarico delle imprese per la riapertura della ZTL, una misura del tutto immotivata e inutile.  – prosegue la nota – Non c’è turismo, gli uffici sono vuoti, gli affitti sono altissimi e le attività commerciali stanno chiudendo: vuole un centro di Roma deserto, buio e non sicuro?”

Confcommercio chiede alla sindaca di sospendere la ZTL nel centro storico per:

  • Sostenere l’occupazione e le piccole imprese
  • Incentivare i consumi e lo shopping nelle vie centrali della città
  • Rendere vivo e accogliente il centro storico
  • Contrastare l’abusivismo e rafforzare la sicurezza
  • Chiediamo inoltre la proroga temporale dei permessi per i residenti e procedure più veloci per i rinnovi.

“L’obiettivo deve essere quello di concordare e attuare tutte le misure operative a sostegno delle imprese e del lavoro nella nostra città”. – conclude Confcommercio Roma.

Come anticipato, in poco tempo la petizione di Confcommercio ha già superato le 600 adesioni. Per ulteriori informazione e dare sostegno a Confcommercio clicca qui.

Potrebbero interessarti