Multe agli sozzoni: sanzionato anche un edile che riempiva i cassonetti di calcinacci

Tolleranza zero verso chi abbandona i rifiuti ingombranti nell’ambiente. La Polizia Locale istituisce una task-force investigativa e rintraccia i responsabili
multe
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Multe e zero tolleranza per chi abbandona rifiuti ingombranti nell’ambiente o accanto ai cassonetti. All’Eur otto persone sono state sanzionate dalla Polizia locale di Roma Capitale per aver gettato in strada mobili ed elettrodomestici, in prossimità dei secchioni.

I responsabili sono stati rintracciati grazie a una serie di indagini eseguite dal Nucleo Ambiente e Decoro (NAD) dei vigili, che hanno lavorato in tandem con il IX Gruppo Eur dei caschi bianchi.

multe
La Polizia Locale ha istituito una task-force anti “sozzoni”: prime multe

La Task Force della Polizia locale ha portato avanti una serie di investigazioni per portare allo scoperto i romani che abbandonano i rifiuti speciali o ingombranti nell’ambiente. Complessivamente sono nove le persone scoperte essere responsabili del gesto.

multe
Scoperto mentre abbandona materiali di risulta accanto ai cassonetti

In zona Baldo degli Ubaldi, nel quartiere Aurelio, la segnalazione di un cittadino e le indagini dei vigili hanno permesso di risalire alla ditta che per giorni ha scaricato materiali edili, mobili di scarto, water e materiale idraulico accanto ai secchioni, ponendo fine all’attività di smaltimento irregolare dei rifiuti.

Acquisita la testimonianza dei residenti, una pattuglia di vigili ha riscontrato la presenza dei materiali di risulta accanto ai cassonetti. Poco dopo i caschi bianchi hanno intercettato un furgone carico di materiali edili e individuato anche il proprietario del mezzo: un uomo di 44 anni che con i suoi collaboratori stava svolgendo dei lavori ristrutturazione in un appartamento nel quartiere.

Grazie alle ulteriori verifiche degli agenti, eseguite anche tramite l’acquisizione di alcune immagini di videosorveglianza della zona, è stato possibile incastrare il 44enne, riconosciuto quale responsabile dell’accaduto. L’uomo è stato sanzionato e obbligato a rimuovere i rifiuti abbandonati per conferirli correttamente in discarica. L’operaio ha dovuto poi dimostrare l’avvenuto smaltimento dei rifiuti ingombranti nelle apposite aree, presentando il relativo formulario.

 

redazione@canaledieci.it

Leggi anche: Assunzioni all’Ama: si cercano addetti alle officine

Assunzioni all’Ama: si cercano addetti alle officine

Potrebbero interessarti