Eur: avevano picchiato violentemente un uomo fuori da un bar. I Carabinieri arrestano i due aggressori

Circa un anno fa avevano aggredito un 54enne all’esterno di un bar in viale Camillo Sabatini. L’uomo ha riportato danni permanenti a un occhio
pusher
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Eur: i Carabinieri hanno arrestato i due aggressori che circa un anno fa, all’esterno di un bar in viale Camillo Sabatini avevano aggredito e picchiato un 54enne. Si tratta di due uomini romani di 39 e 44 anni. Uno di loro nascondeva in casa: sciabole, un machete, un tirapugni e due coltelli

 Due romani di 39 e 44 anni, entrambi esperti di discipline sportive da combattimento corpo a corpo e già noti alle forze dell’ordine sono stati arrestati dai Carabinieri in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma, per lesioni aggravate.

I due, la notte del 26 ottobre dello scorso anno hanno aggredito un 54enne romano all’esterno di un bar in viale Camillo Sabatini.

La vittima, all’epoca dei fatti, denunciando l’accaduto aveva raccontato ai militari di essere arrivato al bar per acquistare le sigarette e di essere stato schernito da alcune persone presenti perché calvo. I due, una volta usciti dal bar lo avevano immediatamente aggredito colpendolo violentemente con calci e pugni.

Le percosse hanno provocato alla vittima lesioni al volto e una frattura dell’orbita dell’occhio destro. Nonostante un intervento chirurgico con l’applicazione di una protesi, l’uomo ha riportato danni permanenti sia dal punto di vista estetico che funzionale.

I Carabinieri arrestano i due aggressori. Uno di loro nascondeva in casa: sciabole, un machete, un tirapugni e due coltelli

Le indagine portate avanti dai Carabinieri della Stazione Roma Torrino Nord, si sono basate anche  sull’analisi delle immagini registrate dal sistema di video sorveglianza della zona che ha permesso di individuare ed identificare gli aggressori, poi riconosciuti anche dalla vittima.

A casa del 44enne i militari  hanno anche sequestrato due sciabole, un machete, un tirapugni e due coltelli.

I due, ieri mattina, sono finiti in manette, il primo è stato condotto nel carcere di Regina Coeli e il secondo in quello di Civitavecchia.

redazione@canaledieci.it

 

 

Leggi anche: False licenze Ncc: la Polizia scopre i responsabili e li denuncia

False licenze Ncc: la Polizia scopre i responsabili e li denuncia

Potrebbero interessarti