Regione Lazio: accordo con 700 pediatri per tamponi rapidi e certificati di fine quarantena

L’obiettivo è agevolare la capacità di testing, snellire le procedure burocratiche per le certificazioni e decongestionare i drive in
pediatri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La Pisana ha raggiunto l’accordo con 700 pediatri del servizio sanitario regionale per la somministrazione di tamponi rapidi e l’emissione di certificati di fine quarantena presso i propri studi o in strutture messe a disposizione da ASL, Comuni o Protezione civile.

Tamponi rapidi presso gli studi dei pediatri: accordo raggiunta tra Regione, FIMP e CIPE

Agevolare la capacità di testing, snellire le procedure burocratiche per le certificazioni e decongestionare i drive in. Con questi motivazione l’Unità di Crisi della Regione Lazio ha raggiunto un’intesa con i pediatri accreditati al servizio sanitario.

L’accordo con la Federazione Italiana Medici Pediatri e con la Confederazione Italiana Pediatri prevede l’esecuzione dei test antigenici rapidi presso i propri studi professionali. In caso non si disponesse di strutture idonee, verranno messe a disposizione dalla ASL, dalla Protezione civile o dai singoli Comuni. La Regione inoltre fornirà dispositivi di protezione individuale e il materiale necessario per i tamponi antigenici, che sarà assicurato grazie allo stock nazionale del commissario all’emergenza Covid-19.

I medici potranno, infine, accedere a percorsi formativi sulle modalità di testing, anche avvalendosi dell’esperienza del personale operativo presso l’Istituto Nazionale Malattie Infettive dello Spallanzani di Roma.

Novità non da poco, i pediatri, eseguito il tampone, potranno disporre l’isolamento in caso di positività al Coronavirus e successivamente emettere il certificato che attesta la fine del periodo di quarantena.

Tutte misure, come detto, che dovrebbero snellire le procedure e vanno nella direzione di evitare le code interminabili di auto presso i drive in pubblici (leggi qui).

Ti può interessare anche Covid-19, ecco come si cura a casa secondo le linee guida

Covid-19, ecco come si cura a casa secondo le linee guida

Potrebbero interessarti