85mila capi di abbigliamento sequestrati e donati alla Comunità di Sant’Egidio

Si tratta di maglioni, pantaloni, giacche e giubbotti di ottima fattura sottoposti a sequestro dalle Fiamme Gialle del II Gruppo Roma perché riportavano false indicazioni “Made in Italy”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Oltre 85mila capi di abbigliamento sono stati sequestrati dai finanzieri al Commercity di Fiumicino e sono stati donati alla Comunità di Sant’Egidio.

85mila capi di abbigliamento sequestrati e donati alla Comunità di Sant'Egidio 1
La donazione dei capi di abbigliamento alla Comunità di Sant’Egidio

Alla Comunità di Sant’Egidio maglioni, pantaloni, giacche e giubbotti di ottima fattura

Si tratta di maglioni, pantaloni, giacche e giubbotti di ottima fattura sottoposti a sequestro dalle Fiamme Gialle del II Gruppo Roma perché riportavano false indicazioni “Made in Italy”. Il Tribunale capitolino, al termine dell’iter processuale, ha disposto la confisca definitiva e la loro devoluzione alla comunità, che potrà utilmente destinarli a persone bisognose prima dell’inizio della stagione invernale.

85mila capi di abbigliamento sequestrati e donati alla Comunità di Sant'Egidio 2
L’operazione della Guardia di Finanza con la donazione alla Comunità di Sant’Egidio

La sinergia tra l’Autorità Giudiziaria, le Fiamme Gialle e la Comunità di Sant’Egidio ha permesso di devolvere ai più bisognosi capi di abbigliamento che diversamente sarebbero andati distrutti. Un contributo tangibile, ancora più utile in questi tempi, caratterizzati dalla crisi economica generata dalla pandemia.

Potrebbero interessarti