Covid Lazio: potenziati i drive-in per i tamponi. Sono arrivati a quota 38

Nei prossimi giorni altri 6 nella Capitale, a partire dalle Asl Roma 1 e Roma 2. Presto anche negli studi medici e di pediatri
drive-in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

L’Unità di Crisi del Lazio fa i conti con l’innalzamento della curva dei contagi e si sta mobilitando in questi giorni per incrementare i drive-in sul territorio. Attualmente sono ben 38 le postazioni dove effettuare i tamponi per rilevare l’eventuale presenza del Covid-19,

Unità di Crisi Lazio: potenziati i drive-in sul territorio

In concomitanza con l’aumento dei positivi al virus, l’Unità di Crisi del Lazio sta predisponendo l’apertura di ulteriori postazioni per i test anti-Covid.

Sono già entrati in servizio i drive-in di Pomezia, nella Asl Roma 6, e Priverno e Aprilia di competenza della Asl di Latina.

Da oggi pomeriggio un nuovo drive pediatrico sarà attivo al Sant’Andrea, esclusivamente su prenotazione al numero 06.33778787. E da sabato ne è pronto un altro presso l’aeroporto di Guidonia, nella Asl Roma 5.

“L’obiettivo – fanno sapere dall’Unità di Crisi – è quello di raddoppiare la rete sia in modalità pedonale che con automobile, in particolar modo nella Capitale dove ne sono previsti almeno altri 6 nei prossimi giorni, a partire dalle Asl Roma 1 e Roma 2, quelle al momento maggiormente sotto pressione”.

Tutte le informazioni sulla rete dei drive-in disponibili e sui 65 laboratori privati autorizzati ai tamponi rapidi antigenici a tariffa concordata, si possono trovare sul sito web www.salutelazio.it.

L’assessore Alessio D’Amato ha anche annunciato che sono state avviate le procedure “per la manifestazione di interesse verso medici di medicina generale e pediatri di libera scelta che volessero eseguire in sicurezza i tamponi rapidi antigenici nei loro studi medici“.

Leggi anche “Test rapidi covid-19: impossibile farli privatamente”

“Test rapidi covid-19: impossibile farli privatamente”

Potrebbero interessarti