Coronavirus, a Pechino riesplode l’epidemia: schierati 100mila operatori sanitari

Il nuovo focolaio in un mercato alimentare. Le autorità cinesi puntano il dito contro il salmone europeo. In Brasile 35mila contagi al giorno
pechino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Paura a Pechino: la capitale cinese, finora soltanto sfiorata dall’epidemia di coronavirus, entra nell’incubo. Chiuse le scuole primarie e secondarie, isolati e in quarantena interi quartieri, bloccati tutti i voli. I contagi sono partiti, come nel caso di Wuhan, da un mercato alimentare. Le autorità cinesi hanno mobilitato 100mila operatori sanitari: effettuati 400mila tamponi. Il Brasile è il Paese più colpito al mondo, 35mila nuovi contagi in un solo giorno.

Paura a Pechino, nuovo focolaio di coronavirus: si teme una seconda Wuhan

Il livello di allarme a Pechino è alle stelle. Le autorità sanitarie della capitale cinese ieri hanno innalzato il grado di allerta, portandolo da 3 a 2, in una scala in cui il primo grado è il più grave. Sospesi tutti i collegamenti da e per la città, cancellati oltre mille voli.

Fra i 137 positivi scoperti nelle ultime ore c’è anche un bimbo di soli otto anni. “E’ possibile che continuino a emergere nuovi casi”, ha dichiarato Pang Xinghuo, capo del Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie di Pechino.

Il numero dei positivi continua a salire senza sosta a partire da giovedì scorso, quando è stato scoperto il focolaio nel mercato alimentare all’ingrosso di Xinfadi. Da qui i contagi si sono già estesi nelle province di Liaoning e di Hebei. Mobilitati dal governo di Pechino oltre 100mila operatori sanitari, per effettuare tamponi e test a tappeto.

Nel mirino dei vertici del regime è finito il salmone norvegese importato, venduto nel mercato di Xinfadi, epicentro del focolaio. Sul pesce nordico, in esposizione sui banconi, i primi test hanno riscontrato la presenza del virus.

La Norvegia però respinge tutte le accuse: “Impossibile che il virus si sia originato dal nostro salmone”, ha replicato il governo di Oslo. E poco fa i cinesi hanno ammesso: sui prodotti ittici importati, testati prima che entrassero nel mercato e che venissero esposti sui banchi, il virus è assente.

pechino

Ma intanto a Pechino la paura del pesce infetto si è diffusa, scatenando la psicosi dei cittadini: chiusi i ristoranti di sushi, nessuno si avvicina più ai banconi del pesce fresco all’interno dei supermercati.

Il mercato è stato chiuso lo scorso sabato, ma il numero dei lavoratori potenzialmente coinvolti è nell’ordine delle migliaia. Le autorità hanno rintracciato tramite le app dei cellulari tutti i visitatori che hanno frequentato il mercato nelle ultime due settimane: 200mila persone. In corso i tamponi, effettuati porta a porta, all’interno di parchi, stadi e palestre.

In Brasile 35mila contagi al giorno, è il Paese più colpito al mondo

Nel Paese governato da Jair Bolsonaro, che ha sempre sostenuto la non rilevanza del virus per la salute pubblica, i contagi sono saliti a 923 mila. Con un aumento esponenziale: 35mila i positivi registrati in un solo giorno. “Le misure di contenimento possono causare più danni della pandemia“, aveva detto Bolsonaro.

E oggi, con 34.918 positivi e 1.282 nuovi morti in un solo giorno, dichiarati dal ministero della Sanità brasiliano, il Brasile è salito al primo posto nella classifica mondiale dei paesi più colpiti dal virus.

A Rio de Janeiro e nelle favelas delle principali città brasiliane le bande di narcos, preoccupate che uno scoppio eccessivo di contagi possa finire per compromettere i loro affari, hanno iniziato a far rispettare il distanziamento sociale e una sorta di quarantena auto-imposta, con negozi chiusi e persone in casa.

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, in Yemen mortalità spaventosa. Fotografate fosse comuni, ospedali fuori uso

Coronavirus, in Yemen mortalità spaventosa. Fotografate fosse comuni, ospedali fuori uso