Ostia: la Pineta di Castel Fusano torna a vivere

Ad Ostia i residenti riscoprono la Pineta di Castel Fusano dopo l’emergenza covid. Il parco, tra sport e brillanti slanci culturali, diventa la valvola di sfogo psicologico per chi vuole tornare alla normalità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Gli Ostiensi riscoprono la Pineta di Castel Fusano dopo l’emergenza covid. Il parco, tra sport e un pizzico di brillanti slanci culturali, diventa la valvola di sfogo psicologico per chi vuole tornare alla normalità.

Distanziamento sociale. Isolamento, paura del contagio, ripercussioni sul lavoro, i numeri dei morti e la conflittualità generata dal rispetto o non rispetto delle regole. Se con la fine della quarantena le persone sono tornate ad uscire di casa e hanno potuto accantonare le autocertificazioni, il ritorno alla normalità non è così semplice da gestire. Interessante da questo punto di vista l’’indagine condotta  dall’Università degli studi dell’Aquila e del Centro di documentazione, formazione e ricerca per la ricostruzione e la ripresa dei territori colpiti da calamità.  Dei 18mila  italiani chiamati a rispondere al questionario il 37%  hanno detto di aver accusato di sintomi del disturbo da stress post-traumatico. Il 22,9%, ossia 4.092 persone, lamenta un disturbo dell’adattamento, il 21,8%, vale a dire 3.895 persone, sconta uno stress «elevato». E ancora: il 20,8%  manifesta ansia, il 17,3% depressione e il 7,3%  insonnia.

Ostia: la Pineta di Castel Fusano torna a vivere.

Grandi alleati nella fase di recupero psicologico dell’allarme sanitario sono indiscutibilmente l’attività fisica e la natura: un mix che dopo il lockdown, sul Litorale Romano, ha trasformato la Pineta di Castel Fusano in uno straordinario spazio a disposizione dei residenti.

Nel parco sono sono state realizzate otto altalene con tronchi dipinti e decorate con frasi tratte dai libri di Gianni Rodari.

L’iniziativa è di fatto un dono per i bambini che frequentano la Pineta ma anche, più che mai oggi, uno spunto di riflessione anche per i grandi.

 

Leggi anche: Ostia Antica: nuova luce per il Borgo

Ostia Antica: nuova luce per il Borgo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti