Ostia, aggressione sulla spiaggia: ventenne bengalese picchiato a sangue

Scene di violenza ieri sulla spiaggia del Lungomare degli Abruzzi: un cittadino del Bangladesh è finito in ospedale con fratture al viso dopo un pestaggio
vigilante
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Pomeriggio di sangue ieri sulla spiaggia del Lungomare Duca degli Abruzzi, a Ostia. Un giovane del Bangladesh, che stava prendendo il sole con due amici suoi connazionali, è stato accusato da alcuni bagnanti di fare foto ai bambini in acqua. Secondo i primi rilievi tre uomini si sono avvicinati al ragazzo, e dopo averlo insultato al grido di “Untore, ci porti il virus”, lo hanno picchiato selvaggiamente.

Ostia, ventenne del Bangladesh picchiato a sangue sulla spiaggia

Il cittadino del Bangladesh, aggredito con calci e pugni, è stato soccorso dagli amici e trasportato all’ospedale Grassi, dove ora è ricoverato con diverse fratture al volto. Poco dopo il fatto è scattato l’intervento di Carabinieri: arrivati con tre volanti i militari hanno identificato le persone coinvolte, ascoltato i testimoni e sequestrato i cellulari dei tre bengalesi per verificare l’eventuale presenza di foto di bambini.

ostia

Al momento, però, i militari non avrebbero trovato alcuna foto di bimbi, né nel telefonino del bengalese massacrato sulla spiaggia con l’accusa di aver fotografato i bambini, né su quelli dei suoi due amici e connazionali.

ostia

Alcuni dei bagnanti presenti in spiaggia, che hanno assistito alla scena, avrebbero riferito ai carabinieri di Ostia che gli aggressori hanno accusato il giovane bengalese di essere un untore. E che soltanto per questo motivo sarebbe scattata la violenta aggressione a calci e pugni.

Solo in un secondo momento, una volta arrivate le pattuglie dei militari, i picchiatori avrebbero aggiunto l’accusa di pedofilia.

Ora si attende che le indagini dei militari della stazione di Ostia appurino lo svolgimento dei fatti.

Ti potrebbe interessare anche: Elena Aubry, le ceneri rubate tornano a casa: corteo di motociclisti per accompagnare la mamma

Elena Aubry, le ceneri rubate tornano a casa: corteo di motociclisti per accompagnare la mamma

 

Potrebbero interessarti