Sciopero dei benzinai: confermata la serrata ma ridotto lo stop. Ecco gli orari

Benzinai chiusi per due giorni e mezzo: lo sciopero annunciato nei giorni scorsi è stato confermato. Le stazioni di servizio, dalle più piccole alle più grandi, chiuderanno a partire dalla sera di lunedì 14 dicembre e fino al pomeriggio di mercoledì 16. L’incontro con il Governo non è bastato a scongiurare la serrata. Critica l’Unione Nazionale Consumatori.

Sciopero dei benzinai: confermata la serrata ma ridotto lo stop. Ecco gli orari

Gli impianti di distribuzione carburanti presenti sull’intera rete stradale italiana hanno proclamato uno sciopero per protestare contro il mancato inserimento della categoria nell’elenco dei beneficiari degli aiuti stanziati dal Decreto Ristori.

I benzinai hanno confermato la serrata indetta da lunedì 14 dicembre fino al pomeriggio di mercoledì 16. L’orario dello stop, prima annunciato fino alla mattina del 17 dicembre (leggi qui) è stato ridotto dopo l’intervento della Commissione di Garanzia  che ha chiesto e ottenuto dai gestori una mediazione, alla luce delle difficoltà generate dalla chiusura dei distributori nell’attuale situazione sanitaria.

I benzinai della rete ordinaria si fermeranno dalle 19 del 14 dicembre fino alle 15 del 16, mentre le stazioni autostradali chiuderanno dalle 22 del 14 alle  del 16.

Sciopero dei benzinai: confermata la serrata ma ridotto lo stop. L’incontro con il Mise

Le organizzazioni di categoria dei gestori Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno incontrato ieri pomeriggio, 11 dicembre, la sottosegretaria al Mise Alessia Morani. L’incontro con il Governo è stato definito ‘incoraggiante ma interlocutorio” e dunque lo sciopero è stato confermato.

«Incontro «incoraggiante ma interlocutorio» con la sottosegretaria al Mise Alessia Morani e pertanto viene confermato lo sciopero dei benzinai dalla sera del 14 dicembre.» si legge nella nota congiunta delle Organizzazioni di categoria dei gestori Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio.

Sciopero Benzinai, l’Unione Nazionale Consumatori: «Il governo Precetti i benzinai»

«Per fortuna è stato incoraggiante, altrimenti cosa facevano? – dichiara Massimiliano Dona presidente dell’Unione Nazionale Consumatori – è il colmo, oltre che un atto irresponsabile, che lo sciopero non sia sospeso fino a trattativa conclusa. Nonostante l’evidente apertura del Governo, che finalmente si è deciso a convocarli, è incredibile che l’astensione non venga nel frattempo interrotta»

«Tanto più alla luce del fatto – continua – che lo sciopero è illegittimo e viola la regolamentazione del settore adottata dalla Commissione di garanzia con una deliberazione secondo la quale non si possono fare scioperi in caso di avvenimenti eccezionali di particolare gravità come è, ovviamente, l’emergenza Covid che sta attraversando il Paese. Invitiamo il Governo ad adottare l’ordinanza per disporre il differimento dell’astensione collettiva a quando sarà finita l’emergenza Covid, precettando i benzinai. Nulla poi vieta che il dialogo tra le parti prosegua, come auspichiamo.»

 

redazione@canaledieci.it

 

Potrebbe interessarti anche: L’Enac annuncia lo sciopero, voli a rischio il 17 dicembre

L’Enac annuncia lo sciopero, voli a rischio il 17 dicembre