Commercianti in crisi hanno realizzato un flash-mob a Ladispoli

Molti commercianti di Ladispoli, che ancora non hanno ricevuto il permesso di riaprire dopo due mesi, sono stati protagonisti di un flash mob a distanza, con  una fotografia  a spiegare il loro disappunto.  Su viale Italia, la culla dello shopping, è iniziata la protesta.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Molti commercianti di Ladispoli, che ancora non hanno ricevuto il permesso di riaprire dopo due mesi, sono stati protagonisti di un flash mob a distanza, con  una fotografia  a spiegare il loro disappunto.  Su viale Italia, la culla dello shopping, è iniziata la protesta.

Luca Quintavalle (Consigliere comunale di Ladispoli): “I commercianti sono disperati”

“Le voci che abbiamo raccolto sono di negozianti disperati che si trovano a sollevare le serrande di attività che vengono fuori da due mesi di nulla assoluto. Di realtà che non hanno avuto dal Governo”.

Amelia Mollica (Ass. Commercianti Ladispoli):  “Aiutiamoli a rialzare le serrande”

Dobbiamo far qualcosa per aiutarli a rialzare le serrande. E’ giusto così”

La preoccupazione sale ogni giorno, sono sconsolati e delusi. L’amministrazione con delle misure può fare in modo di non lasciarli soli. Si pensa alla riduzione delle tasse o incentivi. Si aspettano le indicazioni dal Governo e dalla Regione.
Ti potrebbe anche interessare: Aziende a rischio a Ladispoli e Cerveteri
Potrebbero interessarti