Ostia: polemiche sulla riapertura delle spiagge.

Ostia: oggi riaprono ufficialmente le spiagge. Il consigliere Bordoni chiede un piano per la ripartenza.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Oggi anche a Ostia le spiagge sono tornate accessibili. Come avevamo anticipato (Leggi qui la notizia) la Sindaca Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza per l’accesso agli arenili del Litorale Romano. Non mancano però le polemiche

La Sindaca Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza per l’accesso alle spiagge del Litorale Romano. Oggi, infatti, è iniziata la ripresa, seppur controllata, delle attività legate alla balneazione. Nel totale rispetto delle condizioni di sicurezza e di distanziamento sociale, il provvedimento consente: il transito sugli arenili e negli spazi demaniali per gli sport acquatici; la pesca sportiva, anche amatoriale; l’allenamento di atleti professionisti nazionali o internazionali e l’attività motoria in forma individuale. In questa prima fase è vietato prendere il sole e occupare la spiaggia con tende, camper o altri mezzi.

Riapertura Spiagge: è proibito, inoltre, l’uso delle attrezzature ginniche e dei giochi per bambini.

In caso di inosservanza, le sanzioni  andranno da un minimo di 25 a un massimo di 500 euro.

Riapertura Spiagge: non mancano le polemiche.  Il consigliere capitolino Davide Bordoni chiede un piano per la ripartenza.

«Fino al primo giugno – ha commentato il consigliere capitolino Davide Bordoni – il litorale ripiomba nel lockdown. Divieti a parte, non c’è ancora niente in campo. Serve un piano serio di ripartenza che non trascuri il nodo della mobilità e dell’arrivo nel territorio che non potrà essere affidato solo a bus e navette di fortuna. La Raggi cominciasse dallo stanziare gli straordinari per i vigili urbani, credo che ci sarà molto bisogno di loro.»

Riapertura Spiagge: l’associazione Ecoitaliasolidale chiede di facilitare il trasporto verso le spiagge di Castel Porziano e Capocotta.

Sulla questione è intervenuta l’associazione Ecoitaliasolidale: «Invece di facilitare il trasporto verso le spiagge di Castel Porziano e Capocotta  – si legge in una nota – si intende impedire il transito con le auto, vietando le soste lungo la Litoranea».

Potrebbero interessarti