Ostia, inseguimento a 120 km/h. Preso un rapinatore: auto piena di refurtiva

Inseguimento a tutta velocità della Polizia dietro un cittadino cileno ricercato per rapina. Nell’auto un complice e migliaia di euro in refurtiva
inseguimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Inseguimento sul filo dei 120 km/h sulle strade di Ostia ponente da parte delle volanti del X Distretto di Polizia. Al termine della spericolata corsa, gli agenti hanno catturato il fuggitivo, ricercato per rapina e sorpreso con a bordo dell’auto migliaia di euro di valore in refurtiva.

Spericolato inseguimento intorno alle 19,30 sulle strade di Ostia Ponente. Gli investigatori del X Distretto di Polizia sapevano che di lì a poco sarebbe transitato per via della Martinica un ricercato per rapina impropria. Si tratta di un cileno di 23 anni, con numerosi precedenti di giustizia, accusato di aver minacciato con un lungo cacciavite il proprietario di un appartamento che il 3 settembre scorso l’aveva sorpreso a rubare in casa.

inseguimento

La Polizia, dunque, era appostata con auto civetta in via della Martinica quando è spuntata l’auto del sospetto, una Ford Focus. Il ricercato, invitato a fermarsi, invece di rispondere all’alt, ha spinto il piede sull’acceleratore e si è dato alla fuga. A qual punto è scattato l’inseguimento anche da parte di altre pattuglie che erano appostate in punti chiave del quadrante di Ponente.

L’inseguimento a tutta velocità è durato una decina di minuti tra via dell’Idroscalo e le strade limitrofe fino a che le volanti sono riuscite a bloccare il fuggitivo. Con lui, come passeggero, un connazionale da identificare che sarà denunciato per ricettazione. Sull’auto, infatti, gli agenti hanno rinvenuto oggetti di valore di qualche migliaio di valore: smart tv al plasma, playstation, abiti firmati, accessori di valore e argenteria varia, tutto di provenienza furtiva. Non è stato ancora appurato se anche l’auto risulti rubata.

I successivi accertamenti sulla refurtiva hanno permesso di localizzare alcune abitazioni situate a Roma Nord che, nella medesima giornata, erano state depredate. Tra queste una famiglia di Fiano Romano che riconosceva parte della refurtiva di cui aveva già denunciato il furto.

inseguimento

Il cileno è stato arrestato e si è data esecuzione all’ordine di custodia cautelare in carcere. Nei suoi confronti è scattata anche la denuncia per resistenza a Pubblico Ufficiale e ricettazione. Intanto proseguono le indagini per individuare i suoi complici.