“Mantenete la distanza di sicurezza”: vigili con il megafono al mercato per limitare il contagio (VIDEO)

Da oggi vigili urbani in borghese nei mercati con il megafono per invitare i clienti a adottare tutte le misure che frenino il contagio da coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Girano con il megafono che diffonde ad alta voce l’invito ad adottare tutti gli accorgimenti per evitare il diffondersi del coronavirus. Da oggi nei mercati circolano agenti della Polizia Locale a diffondere messaggi audio dissuasori e al tempo stesso di memorandum delle buone pratiche contro il contagio.

E’ il tipo di “modulo di contenimento” adottato dalla Polizia Locale di Roma Capitale per ridurre gli assembramenti nei mercati. Il modello verrà replicato in tutte quelle aree a rischio di sovraffollamento come mercati, vie dello struscio e dello shopping.

L’esordio della strategia questa mattina nel mercato rionale saltuario di piazza Quarto dei Mille, a Ostia. “Collaboriamo tutti insieme a contenere il contagio del coronavirus. Aiutaci a proteggerti rispettando le regole. Mantenete la distanza di sicurezza. Evitate gli assembramenti. Utilizzate correttamente i dispositivi di protezione”: questo il messaggio diffuso dal megafono da agenti in borghese del gruppo Roma X Mare della polizia locale.

La coppia di vigili urbani con il distintivo ben in vista, circola tra i banchi diffondendo il messaggio del megafono in ogni punto del plateatico e facendo attenzione ai casi di eccessiva densità di clienti. Ad aiutarli, gli stessi titolari delle bancarelle che fanno ben attenzione a distribuire gli acquirenti lungo tutto il perimetro della merce in esposizione e invitandoli a rispettare di sicurezza.

Va sottolineato che, contrariamente a quanto annunciato sull’ordinanza regionale, ad operare questa mattina sono anche i rivenditori di articoli non alimentari come abbigliamento e calzature.

Stretta su Centro storico e litorale: regole anti-assembramento e zone da evitare

Potrebbero interessarti