Monteverde: sgominata la “banda dei distributori” (VIDEO)

Le immagini delle telecamere di videosorveglianza non hanno lasciato scampo ai ladri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Erano i responsabili di numerosi furti in bar, tabaccherie, distributori di carburante e di bevande, tra cui anche quelli dell’ospedale San Camillo. E’ stata fermata la banda di ladri che stava seminando terrore nel quartiere di Monteverde, a Roma.

Le indagini che hanno portato all’arresto della banda dei distributori

Si tratta di due cittadini extracomunitari che sono stati tratti in arresto dalla polizia a seguito dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Roma.

I malviventi utilizzavano di tutto per sfondare i distributori presenti in attività commerciali, pompe di benzina e ospedali. In alcuni casi venivano anche divelti dal marciapiede pali metallici della segnaletica stradale, per sfondare le vetrate.

Le indagini sono iniziate dopo i primi furti ai danni di un negozio di materiale elettrico e di una filiale della banca IBL, situati sulla Circonvallazione Gianicolense.

Le immagini delle telecamere di videosorveglianza hanno immortalato due individui con al seguito due cani, uno dei quali forzava la porta d’ingresso, introducendosi poi all’interno del locale. Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Monteverde, diretto da Maria Chiaramonte, hanno così identificato entrambi i soggetti: F. A. K. nato in Egitto il 30.12.1987 e M. A. M. nato in Somalia il 12.10.1981.

Il somalo è stato rintracciato e arrestato all’interno di uno stabile diroccato in via Giacomo Folchi, mentre F. A. K., di cui in un primo momento si erano perse le tracce, è stato individuato in un appartamento di via G.B. Falda dove si era rifugiato, ospite di un’amica. In seguito all’irruzione nell’abitazione anche l’egiziano è finito in manette.

Leggi anche “Mondo di mezzo”: confisca definitiva dei beni riconducibili a Buzzi e Carminati

“Mondo di mezzo”: confisca definitiva dei beni riconducibili a Buzzi e Carminati

Potrebbero interessarti