Ladispoli: la nuova ditta dei rifiuti al centro delle polemiche

Al centro della discussione: il presunto mancato pagamento dello stipendio ad alcuni lavoratori che prestano servizio per la nuova ditta dei rifiuti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

A Ladispoli si discute sul presunto mancato pagamento dello stipendio ad alcuni lavoratori che prestano servizio per la nuova ditta dei rifiuti. Botta e risposta tra il sindaco di Ladispoli Alessandro Grando e il presidente della “Tekneko” Umberto Di Carlo. Al centro della discussione: “Un ritardo ingiustificato che sta mettendo in difficoltà le famiglie coinvolte” – ha polemizzato Grando, che ha invitato la società ad attivarsi.

Rifiuti, Di Carlo: “Abbiamo versato regolarmente tutti gli stipendi”

Immediata la replica del presidente Di Carlo: “Abbiamo versato regolarmente tutti gli stipendi – ha chiarito – a certe persone è stato effettuato un bonifico con valuta 24 agosto perchè sorprese al mare, nonostante avessero annunciato la loro assenza per malattia o per usufruire della legge 104”.

Le spiegazioni, però, non hanno soddisfatto il primo cittadino. “Se qualche netturbino si dà malato e poi va al mare è un furbetto da quattro soldi e va licenziato – ha sottolineato – al contempo, ritengo profondamente ingiusto che i dipendenti che hanno un familiare con disabilità grave vengano accomunati a queste persone”.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Caravaggio: vandalizzati i cartelli storici a Ladispoli

Potrebbero interessarti