Aeroporto di Fiumicino: Anche il Leonardo da Vinci coinvolto nell’idea della Guardia Costiera di realizzare un nuovo polo sanitario di riferimento per il comparto navale

A Civitavecchia un nuovo polo sanitario di riferimento per il comparto marittimo. È la proposta lanciata nelle ultime ora dalla Guardia Costiera Locale e dall’Autorità di Sistema Portuale che coinvolgerà in prima linea anche l’Aeroporto di Fiumicino.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Aeroporto di Fiumicino: Anche il Leonardo da Vinci è coinvolto nel progetto del nuovo polo sanitario di riferimento per il comparto navale.

Realizzare a Civitavecchia un polo sanitario di riferimento per il comparto navale. È la nuova proposta lanciata dalla Guardia Costiera locale e dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno centro settentrionale. Il progetto sfrutterebbe le già esistenti eccellenze della sanità marittima, che opera in collaborazione con l’Aeroporto Leonardo da Vinci, e le strutture logistiche presenti e facilmente implementabili, nonché il concreto interesse degli operatori del crocierismo internazionale.

I promotori dell’iniziativa dichiarano: “Il polo potrebbe offrire servizi efficaci per milioni di crocieristi e essere di supporto ad un ampio bacino di viaggiatori in transito tra Roma, Fiumicino e Civitavecchia.»

«Il polo – si legge nel comunicato diffuso dai promotori dell’iniziativa – potrebbe offrire servizi efficaci per milioni di crocieristi e migliaia di membri di equipaggio, ma anche supporto ad un più ampio bacino di viaggiatori in transito tra Roma, Fiumicino e Civitavecchia. Inoltre – proseguono – costituirebbe per l’intera Regione un vincente volano di impulso per la ripartenza post Covid. Raggiunta, infatti, una sostanziale riduzione della circolazione del virus nel paese, la sfida principale sarà quella di assicurare la riattivazione dei collegamenti marittimi e l’avvio dell’intera economia portuale, senza compromettere i risultati ottenuti in termini di salute pubblica.»

 

 

 

 

Potrebbero interessarti