Aereo nel Tevere, trovato il corpo del ragazzo: si tratta di Daniele Papa, 23 anni, di Cerveteri

Ieri l’aereo biposto su cui il ragazzo volava accanto al suo istruttore è precipitato nel Tevere. Il triste annuncio del sindaco di Cerveteri
aereo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

I soccorritori hanno lavorato tutto il pomeriggio di ieri, e poi ancora tutta la notte. Individuata la carcassa dell’aereo, la speranza era di ritrovare Daniele Papa, 23 anni, di Cerveteri, ancora vivo. Magari in qualche punto lungo gli argini del Tevere, dove è precipitato il bimotore su cui volava. Poco fa però il sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, ha dato la triste notizia del ritrovamento del corpo del ragazzo.

Aereo nel Tevere, trovato il corpo del ragazzo

“Daniele non ce l’ha fatta. Abbiamo sperato fino all’ultimo momento, ma purtroppo ci è arrivata la notizia che non avremmo mai voluto ricevere”, annuncia il sindaco di Cerveteri. “Non credo che nessuna parola sia possibile in un momento come questo. Voglio mandare a nome di tutta la comunità di Cerveteri le più sentite condoglianze e un caloroso abbraccio ai genitori e alle persone che lo conoscevano e gli volevano bene”, scrive il primo cittadino su Facebook.
Per la storia del giovane allievo della scuola di volo, un ragazzo con la passione per per gli aerei, purtroppo il lieto fine non è arrivato. Il suo corpo privo di vita è stato ritrovato dai sommozzatori dei Vigili del Fuoco ancora all’interno della cabina dell’aereo.

Aveva  il sogno di diventare pilota, e ieri stava effettuando un volo di allenamento insieme all’istruttore, Giannandrea Cito. Negli ultimi mesi Daniele aveva accumulato 41 ore di allenamento alla guida di velivoli biposto. Alle 15 e 30 di lunedì, per motivi ancora non chiari, il suo aereo è precipitato, finendo nelle acque del Tevere all’altezza della via Flaminia.

aereo

 

L’istruttore, pilota della Ryanair e insegnante della Scuola di volo dell’Aeroporto dell’Urbe, ha riferito che Daniele è rimasto incastrato nell’aereo che affondava nel fiume per colpa della cintura di sicurezza, bloccata. Giannandrea, stando al suo racconto, si è immerso due volte quando oramai il velivolo era sott’acqua, con Daniele bloccato, per cercare di tagliare la cintura che lo tratteneva. Ma senza successo.

I sommozzatori dei Vigili del Fuoco hanno individuato nella notte il piccolo biposto sul fondale del  Tevere, all’altezza di via Vitorchiano, in zona Due Ponti. Ma le ricerche del ragazzo sono proseguite incessantemente: le prime luci dell’alba hanno colto i Vigili del Fuoco ancora in piena attività.

Leggi anche: Aereo precipitato nel Tevere: ritrovato il velivolo, ma del 23enne di Cerveteri ancora nessuna traccia

Aereo precipitato nel Tevere: ritrovato il velivolo, ma del 23enne di Cerveteri ancora nessuna traccia

Potrebbero interessarti