L’aeroporto Leonardo Da Vinci sempre più all’avanguardia. Lo scalo di Fiumicino è il primo al mondo ad aver installato presso il proprio pronto soccorso i dispositivi di illuminazione battericidi biovitae, in grado di ridurre i rischi di infezioni per operatori e passeggeri e limitare i fenomeni di antibiotico resistenza. Si tratta di una tecnologia brevettata led che grazie a una combinazione di frequenze luminose, uccide tutti i batteri e sanifica gli ambienti senza renderli sterili e senza, quindi, indebolire il sistema immunitario. I risultati della sperimentazione sono stati presentati presso il terminal tre alla presenza dei vertici di Adr. ” E’ un’altra importante iniziativa che mette nuovamente al centro l’attenzione al passeggero – ha sottolineato il presidente di Aeroporti di Roma, Antonio Catricalà – confidiamo di estenderla in altre aree analoghe in aeroporto”. “Grazie a questa tecnologia – ha aggiunto l’amministratore delegato Ugo De Carolis – l’abbattimento della carica batterica nei locali è stato superiore al sessanta per cento e gli spazi con buona igiene batterica sono quasi raddoppiati. Da oggi possiamo considerare il pronto soccorso dell’aeroporto di Fiumicino un luogo in cui il rischio microbiologico per passeggeri e operatori sanitari è sostanzialmente azzerato”. Visti gli ottimi risultati la società sta valutando la possibilità di estendere l’esperienza all’interno dei terminal e delle aeree d’imbarco e sbarco dei passeggeri.