Ostia: il Gruppo Dedem dona visiere stampate in 3D ai medici del Grassi

L’azienda di Ariccia ha raccolto l’sos lanciato in tutta Italia realizzando il dispositivo di protezione individuale in stampa 3D
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Il “Gruppo Dedem” ha donato all’ospedale Grassi di Ostia visiere per medici e impiegati sanitari create grazie alla stampa 3D. L’azienda ha riconvertito la produzione e ha accelerato i processi di produzione, riuscendo così a realizzare i dispositivi di protezione in tempi record. Il nosocomio lidense negli ultimi giorni è stato oggetto di un’interrogazione presentata al ministro della Salute Roberto Speranza dal Senatore William De Vecchis (leggi di più).

Le visiere in stampa 3D del gruppo Dedem per i medici del Grassi di Ostia

L’azienda di Ariccia, che produce e gestisce la cabine per fototessera, ha raccolto l’sos lanciato in tutta Italia realizzando un dispositivo di protezione personale grazie all’ausilio della tecnologia 3D. Il sistema è composto da una visiera in Pvc ancorata a un supporto, che si estende per tutta la circonferenza della testa, garantendo comfort anche per un intero giorno di lavoro. I presidi di protezioni sono resistenti agli acidi e agli alcali deboli e sono efficaci nello schermare l’intero viso, oltre ad essere certificati UNI/166/2004. Lo schermo protettivo è stato regalato anche al San Raffaele di Milano, al San Giovanni e all’Umberto Primo di Roma.

Ostia, Bozzi: “Il territorio fa rete di fronte alle difficoltà”

“Di fronte alla tempesta che ci ha travolto – ha raccontato l’amministratore delegato del gruppo Dedem Alberto Rizzi – abbiamo pensato a come potevamo renderci utili con le nostre competenze. Così abbiamo deciso di contribuire a realizzare gli oggetti che più mancano e servono in questo momento con la stampa 3D. Alla massima velocità possibile, i nostri tecnici hanno rivoluzionato la produzione”.

A mettere in contatto l’azienda che ha prodotto le visiere in stampa 3D con il nosocomio lidense è stato il consigliere del Decimo Municipio Andrea Bozzi, che ha commentato: “E’ molto bello vedere come il territorio si sia attivato facendo rete dinanzi alla difficoltà. Questi esempi di resistenza e reazione al nemico invisibile che stanno arrivando dal nostro tessuto imprenditoriale sono il migliore viatico per una vera ripresa dell’Italia”.

Potrebbero interessarti