Domenica del mare 2020: in occasione del centenario la Santa Sede ha inviato un messaggio di gratitudine e incoraggiamento ai marittimi

Nell’anno del centenario della “Domenica del mare”, la Santa Sede ha scritto una lettera di incoraggiamento e di preghiera per i marittimi di tutto il mondo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

La “Domenica del Mare” compie cento anni. Per l’occasione, la Santa Sede ha scritto una lettera di incoraggiamento e preghiera per chi lavora al largo delle coste

In occasione della Domenica del Mare 2020, il Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale ha diffuso un messaggio di gratitudine e di preghiera per il duro lavoro che svolgono i marittimi.

«Quest’anno, in vista del centenario, avremmo dovuto avere una celebrazione gioiosa – scrive il dicastero – questo anniversario cade, invece, in un momento insolito e particolarmente difficoltoso. La pandemia ha costretto molti paesi a imporre il lockdown, ma l’industria marittima ha continuato a operare. Le imbarcazioni che trasportano merci necessarie per la sopravvivenza, come i farmaci, erano sempre attive. Allo stesso tempo, i comandanti delle crociere hanno lottato per convincere i governi a tenere aperti i loro porti per far sbarcare gli ospiti e hanno fatto il possibile per contenere la diffusione del contagio quando le grandi navi sono diventate delle incubatrici per il covid. In questa situazione senza precedenti, l’equipaggio, che aveva già trascorso tra i sei e i dieci mesi a bordo, si è visto estendere il periodo di lavoro, con la conseguenza di un aumento della fatica e dell’assenza dai propri cari.»

Domenica del mare 2020. Il Dicastero: «i marittimi non sono soli. I cappellani e i volontari della Stella Maris sono con loro.»

«I marittimi non sono soli. I cappellani e i volontari della Stella Maris sono con loro, ovunque essi siano, anche mediante i social media. Siamo pronti a rispondere alle loro chiamate e a porgere un orecchio compassionevole. Tutte le comunità cattoliche del mondo sono invitate a pregare per loro. Affidiamo a Maria, Stella del Mare, il benessere di queste persone e chiediamo alla Madonna di proteggerci da tutti in pericoli, in particolare dalla calamità coronavirus.»

 

Potrebbe interessarti leggere anche Fiumicino: celebrazioni in onore di Santa Maria Stella Maris

Fiumicino: celebrazioni in onore di Santa Maria Stella Maris

 

Potrebbero interessarti