Ostia, mercato sociale: donati alimenti e materiale didattico

La Pro Loco Ostia Mare di Roma ha donato al mercato sociale di via dell’Appagliatore 120 chili di prodotti alimentari e materiale didattico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ostia, Mercato sociale: 120 chili di prodotti alimentari e materiale didattico sono stati donati al mercato sociale in Via dell’Appagliatore

Ostia, mercato sociale: donati alimenti e materiale didattico

La Pro Loco Ostia Mare di Roma insieme all’associazione culturale Agr e all’equipaggio Ostiense che doveva partecipare al Panda Raid, hanno donato al mercato sociale di via dell’Appagliatore 120 chili di prodotti alimentari e materiale didattico. La competizione, infatti, è stata annullata a causa del coronavirus e il pilota Paolo Colasanti ha scelto di collaborare vincendo comunque la sua gara, ma nel campo della solidarietà.

I pacchi viveri che sarebbero stati distribuiti ad ogni tappa alle famiglie locali, come prevede il regolamento della corsa sportiva, sono stati regalati al mercato Ostiense a disposizione dei più fragili. La presidente del Decimo Municipio, Giuliana Di Pillo, ha ringraziato i promotori dell’iniziativa, ricordando anche gli obiettivi della struttura dell’Appagliatore.

Ostia, mercato sociale: donati alimenti e materiale didattico. Di Pillo: «Una significativa donazione, che aiuterà le persone in difficoltà».

Ostia, mercato sociale: donati alimenti e materiale didattico 1

«È un’idea alla quale teniamo molto – ha dichiarato  la Presidente – e che la nostra Sindaca ha voluto replicare in altre zone di Roma. Dalla pandemia e da tutto il suo bagaglio di dolore e preoccupazioni è nata una bella cosa. La lunga catena di solidarietà si arricchisce oggi con questa significativa donazione, che aiuterà le persone in difficoltà, purtroppo in continuo aumento.»

 

Potrebbe interessarti leggere anche:  Coronavirus: la situazione nella Asl Roma 3

Coronavirus: la situazione nella Asl Roma 3

Potrebbero interessarti