Baby-gang a Ostia, maxi rissa con spedizione punitiva

Ancora un episodio di teppismo in via Granito di Belmonte: un gruppo di circa 30 ragazzini ha aggredito una “banda rivale”. I residenti sono esasperati
baby-gang
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Le baby-gang continuano a imperversare a via Granito di Belmonte, al centro di Ostia. Intorno alle sei di oggi pomeriggio un gruppo di circa trenta ragazzini, tutti tra i 15 e i 17 anni, ha aggredito un’altra banda di adolescenti che stazionava – come ogni giorno – sul muretto di fronte alla pescheria cittadina.

baby-gang
via Granito di Belmonte ostaggio delle baby-gang: ancora risse, urla, teppismo

Immediato l’intervento delle volanti della polizia: all’arrivo degli agenti, però, i giovanissimi erano già scappati. Nonostante le proteste, le segnalazioni e gli esposti dei residenti, continuano dunque gli episodi di teppismo in una delle strade più centrali di Ostia.

I residenti ormai sono terrorizzati. Come abbiamo documentato nel precedente servizio di Canale Dieci (leggi qui), via Granito di Belmonte è diventata negli ultimi mesi il ritrovo di un gruppetto di teppisti.

Ogni sera bande di adolescenti – come testimoniato da esposti e segnalazioni degli abitanti della zona – urlano fino a tardi, saltano sui tetti delle auto parcheggiate, urinano sugli sportelli delle macchine, insultano gli anziani che chiedono rispetto.

“Quello che è successo stasera è un campanello di allarme”, sottolinea un residente. “Si è trattato di una vera spedizione punitiva. Il gruppo di trenta ragazzi proveniva da piazza Tor San Michele. E tutti, ma proprio tutti, erano senza mascherina”.

“Si sono diretti a passo svelto e in gruppo verso la comitiva avversaria, scatenando una rissa. La banda rivale è la baby gang che staziona regolarmente sul muretto della pescheria di via Granito di Belmonte”, racconta il testimone.

Ringraziamo la Polizia per l’intervento tempestivo”, prosegue il residente. “Gli agenti sono arrivati ad appena dieci minuti dalla prima chiamata al 112. Dopo le ultime segnalazioni, e soprattutto dopo il servizio pubblicato da Canale Dieci, ogni giorno passa una volante del Commissariato a controllare”, spiega il testimone.

“Evidentemente, però, questo non è ancora sufficiente: continua la situazione invivibile che perdura da mesi ormai”, conclude il residente.

 

redazione@canaledieci.it

Leggi anche: Baby-gang a Ostia: urla, schiamazzi e insulti fino a tarda notte, residenti terrorizzati

Baby-gang a Ostia: urla, schiamazzi e insulti fino a tarda notte, residenti terrorizzati

Potrebbero interessarti