Ostia: addetti alle pulizie protestano davanti all’Ospedale Grassi

A Ostia tornano a protestare gli addetti alle pulizie dell’Ospedale Grassi. I lavoratori contestano il taglio delle ore lavorative
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Questa mattina – davanti all’ospedale Grassi di Ostia – gli addetti alle pulizie sono tornati a protestare per il decurtamento del 25% dei parametri contrattuali che, di fatto, si traduce in una diminuzione delle ore lavorative settimanali per ogni lavoratore, con conseguenti ripercussioni sui salari mensili.

Ostia: protesta davanti all’Ospedale Grassi. Gli addetti alle pulizie contestano il taglio delle ore lavorative.

«Parliamo di stipendi tra i 500 e i 600 euro – spiega Giuseppe Conforzi, della UIL – che ultimamente sono arrivati a toccare i 375 euro, gettando nello sconforto tante donne e uomini che con quei soldi devono mantenerci una famiglia.  Tutto questo inevitabilmente influisce anche sull’efficacia e la qualità’ del servizio – avverte in conclusione Conforzi – in un contesto che non garantisce i giusti parametri di pulizia e igienizzazione nei vari presidi sanitari del territorio. Peraltro, ciò accade mentre in ogni reparto si continua  a combattere contro l’epidemia di coronavirus.»

Leggi anche: Bollettino Coronavirus 14 giugno: 14 nuovi casi nel Lazio, il focolaio del San Raffaele raggiunge 109 casi totali

 

Potrebbero interessarti