Ciclisti di Ostia bloccati dalla Polizia Locale non riescono a raggiungere il Tevere Day

Disavventura per un gruppo di ciclisti di Ostia che per motivi di sicurezza sono stati fermati dai vigili urbani sull’Ostiense
ciclisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Disavventura per un gruppo di ciclo-amatori di Ostia che ieri sono stati fermati dalla Polizia Locale all’altezza di Mezzocammino, mentre si stavano recando al Tevere Day, a Roma. La pedalata non era autorizzata e i ciclisti, dopo aver percorso il Sentiero Pasolini, non hanno potuto accedere in blocco all’Ostiense per motivi di sicurezza alla circolazione.

Ciclisti bloccati dalla Polizia Locale prima di raggiungere il Tevere Day

La decisione dei vigili non è stata presa bene da alcuni ciclo-amatori che sul gruppo Facebook del “Sentiero Pasolini” hanno scritto:

Il Tevere Day per noi è stato un disastro“.  – commentano i ciclisti in merito all’interruzione da parte dei vigili urbani della pedalata verso Roma.

È sempre più evidente che i vigili di Roma stanno con gli automobilisti indisciplinati.  – aggiungono – Non multano le doppie file, non fanno rispettare i limiti di velocità. Ma in compenso non si lasciano sfuggire nessun’occasione per infastidire chi si muove in maniera ecologica.

Avevamo chiesto la scorta su un breve tratto dell’Ostiense per superare l’ostacolo a Mezzocammino. Ci hanno risposto picche. Eravamo pronti ad organizzarci da soli, ma gli agenti si sono presentati con sei volanti a Mezzocammino per bloccarci il passaggio ed impedirci di entrare sull’Ostiense, malgrado il fatto che la strada non sia vietata alle biciclette e che il limite in quel tratto sia di 40 km orari.

Non fanno rispettare le regole agli automobilisti, ma fanno di tutto per mettere i bastoni tra le ruote alle biciclette e alla micromobilità”. – hanno concluso i ciclisti.

Nonostante il comprensibile malcontento da parte degli amanti delle due ruote, la manifestazione non era autorizzata e gli agenti della Polizia Locale hanno semplicemente fatto rispettare il regolamento, gestendo una situazione di potenziale pericolo per la circolazione, oltre che un possibile assembramento.

L’episodio comunque è l’ennesima prova della mancanza di un percorso ciclabile in sicurezza tra Ostia e Roma. Un progetto che i ciclisti richiedono da tempo e che non è ancora mai stato affrontato in maniera concreta dalle amministrazioni. L’ultima disavventura capitata ai ciclo-amatori sull’Ostiense, forse, servirà a sollevare nuovamente l’attenzione sulla problematica.

Leggi anche “Una pista ciclabile da Ostia a Torvaianica”

“Una pista ciclabile da Ostia a Torvaianica”

Potrebbero interessarti