Bollettino Coronavirus 4 luglio: 31 casi nel Lazio, 14 positivi a Roma città

L’Assessore alla Sanità del Lazio D’Amato: “Oggi 31 nuovi positivi, un aumento che deriva principalmente da casi di importazione e da un abbassamento livello di attenzione”
coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Coronavirus, l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato in conferenza stampa: “Oggi registriamo 31 nuovi casi positivi. A Roma città 14 nuovi contagi, necessario garantire l’isolamento per chi proviene da Paesi con alta circolazione del virus per evitare che le regole per chi proviene da nazioni extra Schengen vengano aggirate con gli scali intermedi”.

Bollettino Coronavirus 4 luglio

Si è conclusa da pochi minuti la conferenza stampa della task-force regionale per il Coronavirus, alla presenza dell’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

“Oggi registriamo un dato di 31 casi positivi e un decesso. A Roma città si registrano 14 nuovi positivi.

L’aumento dei contagi deriva principalmente dai casi di importazione e da un abbassamento del livello di attenzione. Sono 10 i casi relativi ad attività di screening pre-ricovero ospedaliero.

Lo dico da giorni: vi è un calo di tensione e questo produce inevitabilmente un aumento dei casi e registriamo un abbassamento anche dell’età dei contagi.

C’è bisogno per chi arriva da zone ad alta incidenza di circolazione del virus che sia posto in isolamento per evitare che le regole extra Schengen vengano aggirate con gli scali intermedi.

Nella Asl Roma 1 dei due casi odierni uno si registra in fase di pre-ospedalizzazione al San Camillo e uno al COVID Hospital Columbus.

Nella Asl Roma 2 si registrano 6 casi e di questi cinque sono riferiti ad un unico link familiare già noto e posto in isolamento domiciliare, un ulteriore caso riguarda un bambino di un paziente deceduto dell’IRCCS San Raffale Pisana.

Nella Asl Roma 3 sono 6 i casi odierni e di questi due sono dipendenti del World Food Program di rientro dalla Somalia segnalati da un medico delle Nazioni Unite. Un ulteriore caso positivo di rientro da Brescia dove era stato per motivi sanitari.

Nella Asl Roma 4 si registrano 4 nuovi casi di coronavirus e di questi uno in fase di pre-ospedalizzazione al San Camillo di Roma e due casi di due donne in accesso al Pronto soccorso di Civitavecchia. Si registra anche un decesso di un uomo di 74 anni di Capena.

Nella Asl Roma 5 dei sei nuovi casi quattro sono riferiti ad un cluster familiare di coronavirus di Zagarolo, un famiglia possibile caso indice dei casi dei due fratellini del centro estivo e della cena scolastica sulla Casilina. La famiglia, che ha ospitato i due fratelli risultati positivi, è stata posta in isolamento domiciliare. Un ulteriore caso riguarda una ragazza ricoverata al Policlinico Umberto I.

Nella Asl Roma 6 dei 5 nuovi casi positivi due già isolati a domicilio hanno un link con il cluster familiare di Anzio-Ardea, un caso positivo di importazione di un ragazzo di nazionalità del Bangladesh di ritorno da Dacca è risultato positivo ed è stato posto in isolamento domiciliare, il volo era uno di quelli già attenzionati e su cui si era avviato un contact tracing internazionale.

Sempre nella Asl Roma 6  un bambino di un mese a Ciampino è risultato positivo ed è stato trasferito all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro. I genitori sono risultati negativi al tampone e si sta svolgendo l’indagine epidemiologica sui contatti stretti.

Infine per quanto riguarda i viaggi di rientro in Italia nella Asl di Frosinone sono due i casi giornalieri e uno di questi riguarda una donna in quarantena e di rientro dal Perù è risultata positiva. Avviate le procedure di contact tracing internazionale” commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Ti potrebbe interessare anche: Bollettino Coronavirus 3 luglio: 11 casi nel Lazio, molti i positivi di rientro dal Bangladesh

Bollettino Coronavirus 3 luglio: 11 casi nel Lazio, molti i positivi di rientro dal Bangladesh