Assassinio di Willy, testimonianza choc: “In due saltavano sul suo corpo a terra”

Un testimone riferisce al gip: due degli arrestati saltavano sul corpo a terra del ragazzo. Convalidati gli arresti, si aggrava la posizione dei fratelli Bianchi
willy
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il gip di Velletri ha convalidato l’arresto per i quattro presunti assassini, accusati dell’omicidio di Willy Monteiro Duarte: i due fratelli Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia. Il reato contestato al momento resta, però, soltanto quello di omicidio preterintenzionale in concorso. A Belleggia sono stati concessi i domiciliari: nell’interrogatorio di garanzia ha dichiarato al gip di avere visto uno dei fratelli Bianchi dare il colpo mortale a Willy.

Si aggrava la posizione dei fratelli Bianchi: diversi testimoni li hanno visti infierire con ferocia sul corpo di Willy

Ma a gettare nuova luce sulla terribile vicenda è il racconto di un testimone oculare, messo a verbale nell’ordinanza del Gip di Velletri. Due degli arrestati saltavano sul corpo del ragazzo, quando era già a terra per i colpi subiti. “Ho un vivido ricordo di un paio di loro, non ricordo però chi di preciso, che addirittura saltavano sopra il corpo di Willy in terra e già inerme”, è la dichiarazione del teste riportata nell’ordinanza di conferma della custodia cautelare.

willy

 

Un secondo testimone precisa: “Tra gli aggressori sono certo ci fossero i fratelli Bianchi e Pincarelli“, riporta il giudice. Chi materialmente ha picchiato il ragazzo assassinato “è stato Gabriele Bianchi“, continua il teste. Tragico il racconto: “Gli ha dato un calcio in pancia, dopodiché Willy è caduto a terra ed è stato colpito nuovamente da Gabriele”.

Il livello di violenza dei colpi sferrati contro il ragazzo 21enne, l’accanimento contro il suo corpo inerme già a terra, la brutalità con cui è stato sottoposto a 20 minuti di massacro, lasciano ipotizzare che il colore della sua pelle sia stato un elemento non trascurabile.

Il movente razziale, per ora non formalizzato dai pm, potrebbe insomma essere stato un elemento rilevante. Soprattutto alla luce delle frequentazioni negli ambienti dell’estrema destra dei due fratelli Bianchi, e dei post razzisti pubblicati sui loro social.

Leggi anche: Assassinio di Willy, uno degli arrestati dopo il massacro rideva sui social

Assassinio di Willy, uno degli arrestati dopo il massacro rideva sui social

Potrebbero interessarti