Pomezia: i giardini Petrucci diventeranno “smart”, di ultima generazione

Tra le novità: illuminazione ad elevato risparmio energetico e micro-irrigazione che regola automaticamente la quantità di acqua impiegata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Buone notizie per i residenti di Pomezia che vedranno tornare a nuova vita i giardini Petrucci. Ecco tutti i dettagli del progetto.

Nuova vita per i giardini Petrucci di Pomezia grazie al bando regionale vinto dal Comune

I giardini Petrucci di Pomezia diventeranno smart, di ultima generazione. Il Comune, infatti, ha partecipato con successo al bando della Regione per la valorizzazione di dimore e parchi storici.

giardini petrucci

“Il progetto di restauro – per un importo complessivo di circa 300mila euro, di cui 50mila stanziati dalla Pisana – vuole recuperare la bellezza del giardino all’italiana, inserendo elementi di innovazione tecnologica – ha spiegato l’assessore all’ambiente Giovanni Mattias – dalle aree con wi-fi libero alla sostituzione degli arredi esistenti, dall’installazione di un impianto di videosorveglianza, alla realizzazione di un sistema di infografica orientativa e al rifacimento dei percorsi pedonali accessibili anche da persone con ridotta capacità motoria o visiva.

Tra le novità: illuminazione ad elevato risparmio energetico e micro-irrigazione smart che regola automaticamente la quantità di acqua impiegata” – ha concluso Mattias.

“Il risultato raggiunto è il segno tangibile della bontà del nostro progetto – ha aggiunto il sindaco Adriano Zuccalà – riqualificare i giardini significa valorizzare il patrimonio storico e paesaggistico del nostro territorio aumentando il valore culturale”.

 

Leggi anche Museo Giacomo Manzù: la salma rimane ad Ardea

Museo Giacomo Manzù: la salma rimane ad Ardea

Francesco Ferraro

Classe ‘91. Dal 2015 sono iscritto all’ordine dei giornalisti del Lazio. Dal giornalismo su carta, che ha e avrà sempre il suo perché, sono passato al web e, grazie a Canale 10, anche alla TV. Mondi completamente diversi, ma facce di una stessa medaglia, quella che ho deciso di indossare e che insieme alla mia “ossessiva” curiosità, spero non mi abbandonino mai! Scrivo di tutto, ma amo politica, sociale e sport.