Un pitone di un metro e mezzo ritrovato in un giardino di Pomezia

L’enorme serpente, abbandonato dal proprietario, si era rifugiato nel giardino di un’abitazione privata. Grazie all’intervento dei carabinieri della Forestale di Ostia ora è in salvo e al sicuro
pitone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Apri la porta per fare due passi nel giardino di casa, e incappi in un pitone di un metro e mezzo di lunghezza. E’ successo ai proprietari di una villetta a Pomezia, nel pieno centro cittadino: l’enorme serpente si era rifugiato fra i vasi e l’erba del prato dell’abitazione. Reduce dalla scoperta, la coppia residente nell’appartamento ha chiamato le forze dell’ordine: sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione Forestale di Ostia.

Pomezia, catturato un pitone di un metro e mezzo che si aggirava per strade e giardini privati

Il pitone, recuperato e portato in un luogo sicuro dai carabinieri, fa parte della specie Morelia Spilota, famiglia di grossi serpenti diffusa in Australia: lungo un metro e mezzo, ha lunghi denti aguzzi e un morso doloroso, seppure non velenoso.

L’animale si aggirava in via degli Eucalipti, a Pomezia: dopo essere entrato nel giardino di una villetta – e aver terrorizzato i proprietari –  è stato catturato dai carabinieri della forestale di Ostia, e messo in salvo.

pitone
Un esemplare di pitone Morelia Spilota

Un serpente innocuo, ma comunque selvatico e di dimensioni decisamente ragguardevoli. Un incontro non propriamente piacevole, dunque, uscendo di casa per innaffiare il giardino.

Il povero pitone, come ricostruito dai militari, è stato abbandonato dal suo proprietario dopo essere stato cresciuto in cattività.

“A distanza di sei anni dal boa trovato a Santa Palomba, ci troviamo di nuovo di fronte a un fatto gravissimo: l’abbandono di animali esotici, oltre ad essere un reato punito dal Codice Penale, è anche una grave minaccia all’ambiente naturale e agli ecosistemi”, sottolinea l’assessore all’Ambiente del Comune di Pomezia, Giovanni Mattias.

“Ricordo che il rilascio in natura e la conseguente invasione di specie alloctone costituisce attualmente una delle principali emergenze ambientali, che minaccia la biodiversità causando ingenti danni socio-economici. Un ringraziamento particolare va ai Carabinieri della Stazione Forestale di Ostia per il tempestivo e risolutivo intervento”, conclude l’assessore.

 

redazione@canaledieci.it

Leggi anche: Pomezia, la CISL denuncia: “Situazioni di criticità nelle scuole”

Pomezia, la CISL denuncia: “Situazioni di criticità nelle scuole”