Roma, giovani gambizzati a Morena: emergono altri particolari sull’agguato

Con l'approfondirsi delle indagini vengono scoperti nuovi particolari utili a risolvere l'episodio della gambizzazione dei due giovani alla periferia della Capitale

Roma: la vicenda dei due giovani gambizzati sabato sera a Morena, estrema periferia della Capitale (leggi qui), si arricchisce di ulteriori particolari man mano che le indagini delle forze dell’ordine vanno avanti, e si cerca di capire se questo agguato possa essere ricollegabile a quello che ha portato all’uccisione del 18enne Thomas Bricca (leggi qui).

Con l’approfondirsi delle indagini vengono scoperti nuovi particolari utili a risolvere l’episodio della gambizzazione dei due giovani alla periferia della Capitale

In via dei Sette Metri due giovani di 27 e 21 anni sono stati centrati da colpi di pistola e sembra prendere sempre più corpo la pista che il vero bersaglio dell’esecuzione fosse il 21enne, originario di Frosinone e con un trascorso nel racket dello spaccio di droga di Alatri, la stessa zona dove è stato ucciso Thomas Bricca.

Innanzitutto ha lasciato perplessi gli operanti il fatto che proprio il più giovane dei due gambizzati, il 21enne, sia tornato a casa da solo dopo essere stato medicato al Policlinico Casilino, nelle vicinanze di Morena e se ne sia andato contro il parere dei sanitari, mentre il più grande dei due è scappato in un bar nelle vicinanze della sparatoria.

Questa calma olimpica da parte del 21enne sarà oggetto di ulteriori indagini tramite un interrogatorio nelle prossime ore.

Da approfondire poi la situazione dell’altro aggredito, un 27enne residente a Ciampino su cui già gravano alcuni precedenti di polizia e che è il titolare di un negozio situato a breve distanza dal luogo dell’imboscata.

Le indagini al momento presentano delle difficoltà dettate dal fatto che in via dei Sette Metri e zone limitrofe non si trova ancora una telecamera a circuito chiuso che immortali chiaramente nel filmato cosa sia successo in quelle ore.

In base a quanto filtra dalle indagini il momento chiave è stato quando il 27enne è sceso dalla macchina sulla quale viaggiava la coppia per recarsi ad un distributore automatico presente sulla strada e in quel momento i sicari (o il sicario) ha colto l’occasione per aprire il fuoco e gambizzare le vittime.

In questi giorni altri due agguati misteriosi sono sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti: quello a colpi di pistola che hanno ferito la coppia di ristoratori – marito e moglie – all’Infernetto (leggi qui) e quello che ha portato all’uccisione del militare Danilo Pipitone, pestato a morte per le strade di Centocelle tra la notte di venerdì e sabato scorso (leggi qui), sulla quale un cittadino tunisino, al momento irreperibile (leggi qui) è chiamato a fornire agli agenti della polizia di stato la sua versione dei fatti.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link e digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.