Lettera shock a un dipendente: “Complimenti, ha ricevuto un premio di zero euro”

Marco (nome di fantasia), dipendente di un supermercato del litorale romano, si è visto recapitare a casa una "strana" lettera da parte dell’azienda

lettera zero euro

Marco (nome di fantasia), dipendente di un supermercato del litorale romano, si è visto recapitare a casa una “strana” lettera da parte dell’azienda: “Congratulazioni, il suo premio di produzione è pari a zero euro”. E via di prese in giro con altre congratulazioni varie.
L’uomo, mortificato, non aveva raggiunto gli obiettivi aziendali nonostante si alzasse alle 5 e terminasse spesso il lavoro alle 22.30. E ora non l’ha presa benissimo, si vergogna. Perché non è bello sentirsi dire che si vale zero.

La lettera “beffa”: “L’azienda si augura che tale riconoscimento rappresenti un’ulteriore motivazione affinché il suo costante impegno sia finalizzato al raggiungimento di crescenti risultati reciproci”

Lettera shock a un dipendente: "Complimenti, ha ricevuto un premio di zero euro" 1

Un lavoratore si è visto arrivare una lettera alquanto strana dalla propria azienda, un supermercato del litorale romano: “In relazione alla professionalità dimostrata nello svolgere le mansioni assegnatele l’azienda intende riconoscerle un premio pari a zero euro”. Parole che hanno il sapore di una beffa e che hanno lasciato l’amaro in bocca al dipendente 38enne che l’ha ricevuta.

Sembra uno scherzo e invece è accaduto davvero. Un dipendente di un supermercato del litorale romano ha ricevuto una lettera che ha il sapore di beffa, tanto che il dipendente ha raccontato di essersi sentito umiliato quando ha letto quelle parole.

Come se non bastasse, la parte finale della lettera è ancor più beffarda: “L’azienda – si legge nella lettera – cogliendo l’occasione per congratularsi per l’obiettivo raggiunto, si augura che tale riconoscimento rappresenti un’ulteriore motivazione affinché il suo costante impegno professionale sia finalizzato al raggiungimento di crescenti risultati reciproci”:

Sono stati due anni molto difficili, in particolar modo per chi lavora nel settore alimentare, un ramo che non si è mai fermato anche nei momenti peggiori.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.