Cerveteri, 18enne aggredisce la mamma per 200 euro. Arrestato

Una madre sotto shock chiama i carabinieri: il figlio 18enne la stava minacciando per farsi consegnare denaro

carabinieri civitavecchia arresto

Cerveteri, venerdì 5 febbraio. Un giovane di 18 anni si presenta sotto casa della mamma, in zona Campo di Mare. Inizia a urlare, a sbattere con violenza i pugni contro la porta cercando di sfondarla a calci. Vuole che lei gli consegni 200 euro, grida.

La donna, terrorizzata, alla fine apre: il ragazzo entra nell’appartamento, e a quel punto la minaccia. Deve consegnargli i soldi, le urla, altrimenti spaccherà tutta la casa.

Cerveteri, minaccia la mamma per farsi consegnare denaro: in manette un 18enne

mamma
Campo di Mare, Cerveteri (foto di repertorio)

La madre, preoccupata, decide di non cedere. Teme che quei soldi, chiesti in quel modo, possano servire al ragazzo per comprare la droga. E allora prende la decisione per lei più difficile: chiama i carabinieri.

In poco tempo sopraggiunge una volante: i militari trovano la donna in stato di shock. Il figlio, spiega, che ormai vive da solo a Ladispoli, ha tentato a tutti i costi di estorcerle il denaro.

Il giovane a quel punto viene arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione.

Il 18enne si trova ora agli arresti domiciliari, a Ladispoli, su disposizione della Procura di Civitavecchia.

SCOPERTA UNA PICCOLA CENTRALE DELLA DROGA A CERENOVA

Due invece gli arresti per spaccio, sempre nella giornata di ieri, a Cerenova: i carabinieri, dopo lunghe indagini, hanno scoperto una piccola centrale dello spaccio ubicata all’interno di un appartamento della cittadina. Dopo aver individuato lo stabile in questione, i militari hanno iniziato una serie di servizi di osservazione, riuscendo a trovare il momento giusto per accedere nell’abitazione.

All’interno, i militari hanno sorpreso zio e nipote, di 56 e 22 anni, entrambi del posto e con precedenti: i due sono stati trovati in possesso di 175 g di hashish. I “parenti in affari” avevano allestito l’appartamento esclusivamente per svolgere l’attività di spaccio.

Gli investigatori infatti, nel corso della perquisizione, hanno rinvenuto e sequestrato un bilancino di precisione, il materiale per il confezionamento delle dosi e la somma di 1.100 euro in contanti, considerata dai carabinieri guadagno frutto della vendita di droga. Gli arrestati sono stati sottoposti ai domiciliari presso le rispettive abitazioni, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Leggi anche: Caporalato nella riserva statale del litorale: denunciati due imprenditori

Caporalato nella riserva statale del litorale: denunciati due imprenditori