Segregato in uno sgabuzzino tutta la notte. 70enne malato vittima della moglie

Gli abusi sono andati avanti per mesi. L'uomo, chiuso in uno sgabuzzino, era costretto a dormire su una sedia

Civitavecchia: segregato dentro uno sgabuzzino tutta la notte e poi sbattuto fuori casa dalla moglie durante il giorno. Vittima dei soprusi un uomo di 70 anni malato. Gli abusi sono andati avanti per mesi, la donna ora è indagata. Sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia i reati ipotizzati.

Gli abusi sono andati avanti per mesi. L’uomo era chiuso in uno sgabuzzino e costretto a dormire su una sedia

Per mesi è stato vittima dei soprusi della moglie, più giovane di lui di sei anni, senza riuscire a denunciare.

La storia arriva da Civitavecchia. L’uomo, un 70enne che soffrirebbe di una patologia riconducibile alla demenza senile o un inizio di Alzheimer, era tenuto segregato dentro uno sgabuzzino per tutta la notte. Con sé solo un secchio dove poter espletare i propri bisogni.

Costretto a dormire senza un letto, senza cibo, fino alla mattina successiva quando la donna gli forniva appena 5 euro, con cui doveva arrangiarsi fino alla sera.  A mettere fine a questo incubo sono stati i carabinieri dopo un’accurata indagine coordinata dalla sostituto procuratore Annunziata Rapillo della Procura di Civitavecchia.

L’indagine

L’indagine è stata chiusa qualche giorno fa, con l’iscrizione nel registro degli indagati della donna. Sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia i reati ipotizzati. La vicenda è emersa quasi per caso quando i militari hanno trovato su una panchina della città l’uomo.

All’inizio hanno pensato fosse un clochard, gli hanno chiesto i documenti e si sono accorti che l’uomo era invece residente in città e regolarmente sposato. A quel punto il 70enne si è aperto e ha raccontato ai carabinieri la sua situazione parlando di tutti i soprusi vissuti per mesi sporgendo denuncia nei confronti della moglie. La coppia ha due figli che a quanto pare  sembrerebbe non fossero a conoscenza di questa situazione.

Dopo la denuncia è scattata l’indagine che ha portato a scoprire che il racconto dell’anziano corrispondeva a verità e non era frutto della sua fantasia.

Il 70enne è stato trasferito in una Residenza sanitaria assistita della zona.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link e digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Civitavecchia, truffa ai danni di una 92enne: per aiutare il finto nipote richiesti oltre 5mila euro