Gaeta, nuotata a largo fatale per un imprenditore: muore affogato Marco Di Vozzo

L'imprenditore, 50 anni, è morto annegato dopo un bagno a largo della spiaggia delle Scissure: il mare era mosso

Si è allontanato dalla spiaggia per fare una nuotata a largo senza riuscire a tornare a riva. Un imprenditore di Pontecorvo, Marco Di Vozzo, di 50 anni, è morto annegato, nel pomeriggio di ieri sabato 20 agosto, dopo essersi tuffato in acqua sulla spiaggia delle Scissure, una delle più caratteristiche della costa di Gaeta.

L’imprenditore, 50 anni, è morto annegato dopo un bagno a largo della spiaggia delle Scissure: il mare era mosso

Appena la comitiva, figli compresi, con cui voleva passare una giornata in mare lo hanno visto in difficoltà, hanno fatto scattare l’allarme. Si sono mobilitati subito due bagnini, ma una volta a riva per l’imprenditore non c’è stato nulla da fare: è morto mentre i soccorritori cercavano di rianimarlo.

E’ successo poco prima delle tre del pomeriggio. L’uomo è entrato in acqua solo e si è allontanato nuotando. “Faccio un ultimo bagno e poi ci prepariamo per andar via“, avrebbe detto ai due figli e alla coppia di amici con cui aveva deciso di trascorrere una giornata al mare.

Poco dopo, però, dalla riva lo hanno visto in difficoltà. L’autopsia dovrà chiarire se ha avuto un malore. Non è escluso, però, che a metterlo in difficoltà potrebbero essere state le correnti, tanto che ieri il bagno era sconsigliato.

Sul posto sono intervenuti anche gli uomini della Guardia Costiera, i carabinieri e i sanitari del 118 cin una ambulanza.

Tanti i post sui social dedicati alla vittima: “Se ne è andata una delle persone che più amava Pontecorvo, al punto di dedicarsi attivamente nel portare avanti battaglie per la difesa del nostro territorio, alcune volte anche in contrasto con scelte prese dalle Istituzioni, ma sempre nel pieno e sano rispetto di esse“.

Anche il sindaco di Pontecorvo, Anselmo Rotondo, ha voluto salutare l’imprenditore sulla sua pagina Facebook: “La nostra comunità viene nuovamente trafitta dal dolore. Siamo sotto choc per la morte improvvisa di Marco. Era un uomo, un marito, un padre esemplare. Persona mite e perbene. A lui mi legava una grande stima, umana e professionale. Ci stringiamo al dolore della famiglia, a Beatrice e ai figli. Ogni parola è superflua“.

Solo qualche giorno fa a Ostia stessa drammatica disgrazia. Martedì 16 agosto, su una spiaggia libera di Ostia, l’unica priva di assistenti bagnanti è morto annegato Luciano Taorino, un 82enne che viveva a Ostia Antica. L’anziano aveva perso conoscenza in acqua. L’allarme era scattato davanti alla spiaggia libera Senape, in lungomare Duca degli Abruzzi, intorno alle sette di sera. Alcuni bagnanti e poi dei marinai di salvataggio degli arenili vicini avevano provato a rianimare l’uomo. Ma poi si è rivelata inutile anche l’eliambulanza.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Ostia, 82enne annega sulla spiaggia libera priva di bagnini: la vittima Luciano Taorino