Roma, bonus trasporti pubblici fino a 60 euro: da quando richiederlo

Bonus trasporto pubblico, come richiederlo e chi può beneficiarne. Giovannini: "Un'occasione per incentivare l'uso del TPL con ricadute positive sulla sostenibilità sociale e ambientale"

bus

Roma: da settembre di quest’anno, gli utenti del trasporto pubblico potranno farsi aventi per richiedere il “Bonus mobilità”, istituito con il decreto Legge numero 50 dello scorso 17 maggio, e cioè il cosiddetto “Decreto Aiuti”, a sostegno del reddito delle famiglie.

Bonus trasporto pubblico, come richiederlo e chi può beneficiarne. Giovannini: “Un’occasione per incentivare l’uso del TPL con ricadute positive sulla sostenibilità sociale e ambientale”

Un sostegno concreto per studenti, lavoratori, pensionati, e in generale per tutti i cittadini che utilizzano il trasporto pubblico, su gomma e su ferro, partirà a settembre 2022. Il provvedimento, stando all’impegno dichiarato dal Ministro del Lavoro, almeno a parole, dovrebbe divenire strutturale anche nell’anno venturo.

Il buono sarà utilizzabile per l’acquisto di abbonamenti annuali o mensili relativi ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale o anche per i servizi di trasporto ferroviario nazionale, con una dotazione finanziaria pari a 79 milioni di euro (Fondo istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali).

Valore massimo del Bonus Trasporti

Il buono potrà avere un limite massimo di valore pari a 60 euro per ciascun beneficiario, e potrà passare fino al 100% della spesa da sostenere, e si potrà acquistare, dal prossimo mese di settembre ed entro il 31 dicembre 2022, o comunque fino ad esaurimento risorse.

Il bonus è chiaramente riferibile ad un solo abbonamento, che sia annuale, mensile o relativo a più mensilità e sarà nominativo. Potranno chiederlo ed ottenerlo, le persone che nell’anno 2021 hanno conseguito un reddito complessivo non superiore a 35mila euro.

Le richieste dovranno passare dal portale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con accesso tramite SPID o CIE al Bonus Trasporto Pubblico

Dopo l’accesso, sarà necessario fornire le richieste sostitutive di trasporti (autocertificazione), indicando l’importo del buono richiesto a fronte della spesa prevista, oltre al gestore del servizio di trasporto pubblico. Il portale sarà disponibile nelle prossime settimane, con una previa comunicazione della messa online, a livello nazionale tramite media e social.

Il buono emesso tramite il portale, è spendibile solo per uno dei servizi di trasporto pubblico e deve essere utilizzato entro il mese di emissione, presentandolo alle biglietterie del gestore del servizio di trasporto pubblico prescelto. Questi a sua volta dovrà accedere al portale verificandone la validità. Confermata la quale l’abbonamento verrà subito rilasciato, e il gestore provvederà a registrare sul portale l’utilizzo del buono, indicando l’importo totale fruito dal beneficiario stesso.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Il sindaco: “A Roma in autunno trasporti pubblici gratis”. Ma chi paga?