Ostia: spacciavano in un’abitazione di Via del Sommergibile. Arrestati due pusher

stalker

Ancora arresti ad Ostia da parte dei Carabinieri impegnati nei controlli del territorio per il contenimento della diffusione del Covid-19.

Ostia: Tre arresti per droga. In manette due pusher e una 45enne romana

Nel corso di un servizio di monitoraggio in via del Sommergibile, i militari hanno fermato due persone mentre uscivano da un appartamento. Visibilmente agitate, hanno fatto scattare il campanello d’allarme ai Carabinieri, che li hanno perquisiti trovandoli in possesso di quattro dosi di cocaina. Dopo aver rivelato dove avevano acquistato la droga, i due sono stati segnalati come assuntori.

Grazie alle informazioni dei due fermati, i militari, hanno avuto la conferma di quanto avevano già ipotizzato durante l’attività investigativa e hanno deciso di fare irruzione nell’abitazione di Via del Sommergibile. All’interno le forze dell’ordine hanno sorpreso i due pusher, i quali hanno tentato invano di fuggire, per poi essere bloccati e ammanettati dai Carabinieri.

In casa sono stati ritrovati oltre 10 grammi di cocaina, un piccolo quantitativo di hashish, e tutto l’occorrente il confezionamento delle dosi. Inoltre, sono stati rinvenuti 1.000 euro in contanti, riconducibili al provento dell’attività illecita. Il denaro contante e la droga sono stati sequestrati, mentre i due spacciatori sono stati arrestati e trattenuti nelle camere di sicurezza dell’Arma in attesa dell’udienza di convalida.

In manette anche una 45enne romana. La donna era stata già sottoposta agli arresti domiciliari nella propria abitazione di via dell’Appagliatore per reati in materia di sostanze stupefacenti, quando è stata segnalata dai Carabinieri per una serie di violazioni della misura cautelare. La sua posizione si è decisamente aggravata. Alcune settimane prima, infatti, la donna era stata addirittura sorpresa mentre era intenta a spacciare eroina in casa. Su disposizione del Tribunale di Roma, la pusher è stata così tradotta presso la casa circondariale di Roma Rebibbia.

Leggi anche Quel “cerotto” sulle ferite di piazza Anco Marzio

Quel “cerotto” sulle ferite di piazza Anco Marzio