La mamma di Riccardo morto nel parco festeggia il suo compleanno: “Aspetto ancora giustizia”

La disperata ricerca di una giustizia ingessata non ha impedito a mamma Daniela di festeggiare il compleanno di Riccardo scomparso tragicamente nel 2021

Ieri, sabato 6 luglio, Riccardo Pica avrebbe compiuto diciannove anni. E invece perse la vita il 26 febbraio del 2021 mentre, insieme a un amico, cercava di fuggire da un senza tetto armato di un’accetta, dal parco comunale abbandonato della Madonnetta ad Acilia, ancora oggi rifugio di tanti disperati.

La disperata ricerca di una giustizia ingessata non ha impedito a mamma Daniela di festeggiare il compleanno di Riccardo scomparso tragicamente nel 2021

Fu un attacco di cuore a stroncare Riccardo ma la mamma, Daniela Salustri, non ha mai smesso di cercare giustizia per un delitto sinora rimasto senza colpevole a causa delle lungaggini e dei bizantinismi della giustizia italiana.

Una giustizia che continua a mancare anche mentre la donna, con lo stesso dolore e la stessa determinazione di sempre, ha decorato il piccolo santuario dedicato a Riccardo, anzi Riki come lo ha sempre chiamato lei, di nuovi addobbi in occasione del suo compleanno.

Abbiamo sistemato palloncini e una bottiglia di spumante gonfiabili perché anche i nostri ragazzi defunti hanno diritto di festeggiare -scrive mamma Daniela- ma la stessa sera alle 22.00 la bottiglia era stata già tagliata. La sera in quel parco c’è tutto e di più. Si vedono alle 23.00 ragazzi di 15 anni entrare nelle strutture e se chiami le forze dell’ordine ti dicono che non possono intervenire perché l’area è del comune di Roma. Loro continuano a girarsi di spalle e a fare finta di non vedere. Io sono stufa di urlare Giustizia a chi la urlo? Tanto fanno orecchie da mercante un posto del genere non si può chiamare parco della Madonnetta perché è un’offesa alla Santissima Vergine Maria”, conclude con il cuore affranto la donna.

L’iter giudiziario nei confronti del presunto responsabile di quel disperato e tragico inseguimento è iniziato, per poi arenarsi di fronte a dettagli di procedura che cozzano contro le evidenze del racconto dell’amico che stava fuggendo insieme a Riccardo.

Lo scorso mese di marzo il processo intentato contro Gheorge Barbalata per il reato di morte come conseguenza di altro reato nonché di minaccia aggravata dall’uso delle armi e porto abusivo di armi è stato rinviato a settembre (leggi qui).

Il motivo suona come un provocatorio ritornello kafkiano: non si riesce a notificare l’avviso di avvio dell’udienza all’imputato, il senza tetto 54enne che, come altri clochard si trovava nella terra di nessuno di un parco ormai coperto dall’intrico di una vegetazione capace di nasconderne a malapena le vergognose condizioni.

Sono morta insieme a mio figlio ma mi stanno ammazzando una seconda volta

“Io sono morta il 26 febbraio quando è morto mio figlio, nel 2021 -ha già detto Daniela Salustri esasperata dalle lungaggini processuali- Così mi stanno ammazzando un’altra volta. A settembre c’era già stato un rinvio dell’udienza mentre lui se ne sta qui ad Acilia tranquillo e beato. Mio figlio sta sottoterra e allora aveva 15 anni. Adesso ce ne avrebbe avuti quasi 19. Non l’ho manco visto crescere e merito un po’ di giustizia”.

È la seconda volta -incalza la donna- che dicono che non gli riescono a notificare gli atti ma lui rifiuta ogni tipo di aiuto, forse per furbizia, questo non lo so, di certo anche i commenti su Fb mostrano dove si trovi come si fa a dire che non lo rintracciano? Basta, mi sento presa in giro! Mio figlio non aveva fatto niente di male, era un bravo ragazzo, era intelligentissimo, vado a trovarlo in cimitero e poi mi tocca incontrare lui che mi guarda male perché a suo giudizio sono io che gli sta rovinando la vita. No, non va bene”.

In effetti rintracciare Barbalata sarebbe paradossalmente abbastanza semplice. L’uomo vive in una tenda a poca distanza dal parco della Madonnetta in Largo Girolamo da Montesarchio. Una presenza che non sfugge neppure ai residenti che conoscono bene la vicenda (leggi qui).

Se vuoi approfondire questi argomenti clicca sulle parole chiave colorate in arancione all’interno di questo articolo e accedi alla banca dati di canaledieci.it.