Roma, due senza fissa dimora morti assiderati in zona Piazza della Repubblica

A distanza di neanche un'ora l'uno dall'altro, in vie limitrofe, i due clochard sono stati trovati senza vita probabilmente a causa di arresti cardiocircolatori da ipotermia

L’emergenza freddo è più forte che mai anche con le temperature in rialzo di marzo. Due senza fissa dimora questa mattina 9 marzo sono morti per assideramento nelle vie limitrofe alla centralissima Piazza della Repubblica a Roma.

A distanza di neanche un’ora l’uno dall’altro, in vie limitrofe, i due clochard sono stati trovati senza vita probabilmente a causa di arresti cardiocircolatori da ipotermia

Sul posto in entrambi i casi personale del 118 e dei carabinieri per scoprire le cause dei decessi, ma molto probabilmente il grande freddo non ha dato tregua e ha mietuto altre vittime come nel recente passato (leggi qui).

Sono stati trovati entrambi morti sotto le coperte con le quali avevano provato a ripararsi dal freddo, ma in questo caso per loro due non c’è stato scampo. Un mercoledì mattina tragico al centro a Roma dove i due clochard vivevano all’addiaccio nella zona adiacente alla stazione Termini.

PRIMO INTERVENTO IN VIA AMENDOLA

Già alle 8:30 del 9 marzo in via Giovanni Amendola, traversa di via Nazionale si è registrato il primo senzatetto morto. Sul posto è intervenuto il personale del 118 ed i carabinieri della stazione Roma Quirinale che hanno trovato l’uomo esanime e senza documenti e tuttora da identificare, età apparente tra i 50 ed i 55 anni. Il medico legale ha confermato che con tutta probabilità l’arresto cardiocircolatorio sarebbe deceduto da associare proprio all’ipotermia.

SECONDO INTERVENTO UN’ORA DOPO A PIAZZA DELLA REPUBBLICA

Altro decesso causa freddo intorno alle 9:30, a notare l’uomo morto è stato un passante a segnalare la vedendo una figura umana immobile sotto i portici della centralissima piazza della Repubblica, dal lato di viale Vittorio Emanuele Orlando. Nonostante fosse sommerso sotto diverse coperte, con vicino della frutta per mangiare, e avesse i suoi averi nascosti in una borsa e delle bottiglie d’acqua, il passante si è preoccupato e dopo averlo provato a richiamare la sua attenzione senza trovare risposta ha allertato i soccorritori al 112.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione Roma Macao e il personale dell’ambulanza del 118 Florida Care che nulla ha potuto se non accertare il decesso dell’uomo. Anche lui senza documenti, si tratterebbe di un cittadino indiano tra i 30 ed i 40 anni di età, che era solito passare la notte nella zona di Termini come molti altri. Per risalire alla esatta identità delle vittime, adesso, per entrambi la chiave potrebbero essere le impronte digitali.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link e digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Ostia, Piano freddo: i clochard dormiranno nell’ex bar della stazione