Fiumicino, abusivismo in aeroporto: sanzionati dalla polizia tre noleggi con conducente

Sono 10 i fermi amministrativi effettuati dalla polizia locale nell'ultimo mese

aeroporto fiumicino fondo volo

Polizia Locale di Fiumicino attiva sul territorio contro i conducenti abusivi. Sono infatti ben tre i fermi amministrativi effettuati dalla Polizia Locale, in aeroporto. Ad essere sottoposti a fermo, tre “noleggi con conducente” (due licenze del comune di Roma ed una del comune di Fonte Nuova) che operavano irregolarmente. In tutti e tre i casi le sanzioni sono scattate poiché si è trattato di procacciamento di clienti sul posto senza la prescritta prenotazione del servizio.

Sono 10 i fermi amministrativi effettuati dalla polizia locale nell’ultimo mese

La comandante della Polizia Locale, Daniela Carola, sottolinea come questo tipo di infrazione, purtroppo molto comune, “Continua a generare malcontento e danneggia tutti i noleggiatori e tassisti che operano garantendo un servizio pubblico nel rispetto delle regole. La nostra attenzione – prosegue – come dimostrano i numeri, è massima ed integrata nella cornice di sicurezza aeroportuale in collaborazione con tutte le forze di polizia presenti, così come dalla Autorità aeroportuale ed il gestore. Il nostro doveroso impegno è – conclude – stimolato dall’amministrazione comunale, sempre sensibile al tema della legalità”.

Un fenomeno di abusivismo preoccupante ed in costante aumento quello nello scalo fiumicinese, come già accaduto un mese fa (leggi qui) Soltanto nell’ultimo mese salgono infatti a 10 i fermi amministrativi effettuati dalla Squadra Vetture di Polizia Locale nell’ambito di operazioni di contrasto all’illegalità, con altrettanti verbali contestati per infrazioni al Codice della Strada e alle specifiche ordinanze dell’Autorità aeroportuale.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Fiumicino: nuova rissa all’aeroporto tra NCC abusivi. Richiesto l’intervento del Prefetto