Morti sospette in una casa di riposo, indaga la Procura

Bracciano, mistero in una casa di riposo per anziani: due morti sospette fanno scattare le indagini della Procura. Oggi la perquisizione

ostia

Potrebbe esserci qualcosa di strano nella morte di due donne, ospiti di una casa di riposo di Bracciano. Qualcosa che non torna, e che ha spinto la Procura di Civitavecchia ad aprire le indagini.

I Carabinieri indagano: due morti sospette in una casa di riposo per anziani

La prima morte sospetta risale al settembre scorso: un’anziana ospite di una casa di riposo di Bracciano è deceduta in circostanze che hanno spinto i familiari a presentare denuncia.

A marzo un’altra donna muore, anche questa volta in circostanze ritenute dai pubblici ministeri poco chiare.

casa di riposo

E così questa mattina i Carabinieri di Bracciano, su mandato della Procura di Civitavecchia, hanno provveduto a perquisire tre strutture ricettive riconducibili alla casa alloggi per anziani di Bracciano.

Oggi i militari, nel corso delle perquisizioni e dell’attività investigativa, si sono concentrati sulla verifica delle condizioni cliniche e igienico-sanitarie in cui versano gli anziani ospiti.

Poi hanno proceduto alla ricerca e al sequestro di ogni documentazione utile per chiarire eventuali responsabilità in ordine alle morti sospette, e agli eventuali maltrattamenti perpetrati dagli operatori sanitari.

Alle operazioni ha preso parte personale medico e sanitario dell’ASL, incaricato dalla Procura di visitare gli ospiti delle strutture per accertarne le condizioni.

I Carabinieri hanno operato le perquisizioni presso le strutture ricettive, provvedendo contemporaneamente al sequestro delle cartelle cliniche relative ai decessi delle due donne, avvenuti presso gli ospedali Padre Pio di Bracciano e San Pietro di Roma.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Controlli anti-covid a Civitavecchia: multati ragazzi che giocavano a calcio, arrestato latitante