Infernetto: 71enne sventa rapina in casa ma finisce al Grassi

"Fammi entrare in casa" gli intimava la rapinatrice con il coltello in mano per farsi consegnare soldi in contanti e preziosi.

polizia

Tentata rapina in una villa dell’Infernetto. O forse un tentato sequestro di persona? Dopo essere uscito in giardino un 71enne si è visto puntare il coltello alla gola da una donna, che lo ha minacciato per farsi consegnare denaro e oggetti di valore. Ma la rapinatrice non aveva fatto i conti con la prontezza dell’anziano che ha avuto una reazione inaspettata.

Infernetto: tentata rapina nei confronti di un 71enne, che reagisce e fa arrestare la malvivente

Fammi entrare in casa” gli intimava con il coltello in mano per farsi consegnare soldi in contanti e preziosi.

E’ successo tutto intorno alle 23.58 di ieri in Via Carlo Calcaterra. Una 48enne romena si è introdotta nel giardino dell’abitazione situata in una traversa di Viale di Castel Porziano, all’Infernetto, per fare un colpo. La donna ha puntato subito il coltello dritto alla gola dell’uomo, intimandogli di farla entrare in casa. Ma la malvivente non aveva fatto i conti con la prontezza e il coraggio del 71enne, che ha avuto una reazione sorprendente.

Il proprietario della villa, infatti, ha affrontato senza paura la rapinatrice ed è nata così una breve colluttazione, fino all’arrivo delle forze dell’ordine.

Secondo la versione di uno dei soccorritori, la 48enne romena avrebbe atteso il ritorno del proprietario per farsi dare l’incasso della sua attività. Lui l’avrebbe immobilizzata, rimanendo sopra di lei con la sua mole cominciando a chiamare aiuto. I vicini di casa, sentendo le grida di aiuto, avrebbero così allertato la polizia.

Sul posto si sono recate in pochissimi minuti l’autoradio del Decimo Distretto e la Sezione Volanti, che hanno fatto irruzione nell’abitazione riuscendo a bloccare la donna.

Inevitabili le manette per la rapinatrice classe 1973, che colta in flagranza di reato, è stata arrestata per tentata rapina a mano armata.

A seguito della colluttazione entrambi hanno riportato ferite – l’anziano alla gola – e sono stati portati in codice giallo all’ospedale Grassi di Ostia.

L’ipotesi investigativa

Alcuni particolari inquietanti lasciano ipotizzare un colpo in grande stile, forse un sequestro di persona. La donna, infatti, aveva il passamontagna calato sul volto e oltre al coltello aveva con sé un rotolo di nastro isolante. Quasi certamente non era sola e i complici, vista la mail parata, l’hanno abbandonata. Sì è accertato che l’arrestata, che risiede ai Castelli, in passato aveva lavorato nella villa come domestica.

canaledieci.it è su Google News: per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Ostia, blitz anti-assembramento: il racconto di una mamma