Ostia, maltrattava il proprio operaio e non rispettava norme sulla sicurezza: denunciato titolare ditta edile

La denuncia di un operaio ha portato alla luce le condotte violente ai suoi danni ed il mancato rispetto da parte del datore di lavoro delle norme su salute e sicurezza

Ostia: nel corso di alcuni controlli dei giorni scorsi all’interno della cittadina lidense da parte dei carabinieri contro lo spaccio di droga e la verifica del rispetto delle normative all’interno delle attività commerciali, i carabinieri hanno denunciato il titolare di una ditta edile, per il reato di lesioni personali colpose e per il mancato rispetto degli obblighi del datore di lavoro in merito a salute e sicurezza di un suo operaio.

La denuncia di un operaio ha portato alla luce le condotte violente ai suoi danni ed il mancato rispetto da parte del datore di lavoro delle norme su salute e sicurezza

La denuncia da parte di un operaio ha portato alla luce alcune condotte violente ai suoi danni e a diverse mancanze riguardo alle norme della sicurezza e della salubrità sul luogo di lavoro.

Le indagini dei militari sono proseguite in particolare pattugliando le aree delle stazioni ferroviarie.

Ostia, maltrattava il proprio operaio e non rispettava norme sulla sicurezza: denunciato titolare ditta edile 1

Come risultato dell’attività, a cui hanno partecipato anche i reparti specializzati dell’Arma come il NAS, NIL, il Nucleo Cinofili di Santa Maria di Galeria, e della Stazione dei carabinieri Forestale di Ostia, sono state identificate 250 persone, di cui 6 arrestate e 2 denunciate a piede libero per vari reati, oltre a 62 veicoli controllati e 8 attività commerciali controllate.

I 6 arrestati sono stati ammanettati tutti per reati inerenti gli stupefacenti.

Nel dettaglio, un uomo di 56 anni e una donna di 36 anni, romani, sono sopresi a bordo di un’auto, con la donna che è stata sorpresa in flagranza di reato a cedere una dose di cocaina ad un ragazzo, a sua volta segnalato come assuntore.

Dalla successiva perquisizione del veicolo e a casa loro, i carabinieri hanno trovato altri 24,80 grammi di cocaina, già confezionata e divisa in dosi, insieme a materiale per il confezionamento e denaro contante ritenuto provento dell’attività illegale.

Proseguendo, è stato arrestato anche un ragazzo di 21 anni, che già era sottoposto alla  misura degli arresti domiciliari per come conseguenza di altro reato, in quanto gravemente sospettato di trafficare stupefacenti, nel corso di una perquisizione presso la sua abitazione è stato trovato in possesso di 7 grammi di hashish, già suddivisi in dosi e vario materiale per il confezionamento, nascosti nel comodino della camera da letto.

Inoltre, due uomini di 24 e 17 anni, sono stati fermati a bordo di un’auto, a seguito di alcuni movimenti sospetti, e trovati in possesso di varie dosi di cocaina, hashish e marijuana, oltre a materiale per la pesatura.

Il maggiorenne è stato trattenuto in caserma mentre il minore è stato condotto presso un centro di prima accoglienza.

Infine un altro ragazzo di 21 anni, fermato alla guida della sua auto è stato trovato in possesso di varie dosi di hashish e marijuana: arresto anche per lui.

In conclusione,10 ragazzi sorpresi mentre stavano facendo uso di varie droghe sono stati segnalati al Prefetto come assuntori di droghe.

I controlli in questione vedono Ostia come sorvegliata speciale, nello stesso periodo in cui vi abbiamo raccontato di una gigantesca operazione antidroga, che, partita dalla zona di Ostia Nuova, si è estesa fino ad arrivare al Pontile, portando a diversi arresti.

Ricordiamo come sempre ai nostri lettori che la posizione dei soggetti in questione è quella di indagati e che le prove si formano nel corso del processo.

Fino al terzo grado di giudizio un indagato non può essere considerato colpevole.

Per saperne di più, clicca sulla parola chiave colorata d’arancione, posta poco sopra.