Orrore a Prati: il killer riprese sul cellulare le fasi del doppio omicidio

Trovati sul cellulare di De Pau due video nei quali sono registrate le fasi del duplice omicidio di via Riboty

Due video che mostrano le fasi del doppio omicidio delle escort cinesi registrati sul proprio cellulare. Una mostruosità che aggiunge orrore su orrore nel fattaccio di Prati che vede come accusato Giandavide De Pau, gli arresti nel carcere di Regina Coeli.

Trovati sul cellulare di De Pau due video nei quali sono registrate le fasi del duplice omicidio di via Riboty

Al triplice omicidio di Prati, dunque, si aggiungono dettagli raccapriccianti. Su cosa è avvenuto in quell’ora di tempo nella mattina del 17 novembre nei due appartamenti a poca distanza da piazzale Clodio, c’è un particolare mostruoso: due video girati da Giandavide De Pau, l’uomo arrestato per l’accusa di omicidio plurimo aggravato, con il proprio cellulare nell’appartamento di via Augusto Riboty 28 (leggi qui) in cui vengono riprese le fasi dell’omicidio delle due donne cinesi.

L’orrore è restituito in immagini frammentate e nelle voci terrorizzate delle due vittime che sono state identificate (leggi qui). E’ un elemento, secondo il gip nell’ordinanza con cui ha disposto la detenzione in carcere per il pregiudicato, che potrà risultare determinante per inchiodare il 51enne. L’uomo aveva dimenticato il suo smartphone nell’appartamento delle escort cinesi (leggi qui) prima di recarsi in via Durazzo dove è avvenuto il terzo delitto.

I due video

Nel provvedimento del giudice si fa riferimento ai video: uno dura circa 14 minuti e l’altro ben 42 minuti. Le due riprese sono state registrate dalle ore 10.23 e dalle 10.38. «Documentano in maniera incontrovertibile e raccapricciante l’omicidio delle due donne cinesi», scrive il gip. Una ricostruzione drammatica di quanto avvenuto al primo piano della palazzina a pochi passi dal tribunale. «Dopo qualche secondo, De Pau – aggiunge il magistrato – sposta il telefono e si inquadrano le scarpe che lo stesso indossa, dopodiché il telefono viene appoggiato oscurando la telecamera ma continua ad essere registrato l’audio e si sente entrare nella stanza l’altra donna cinese». «Al minuto 1.09 si sentono rumori e la donna urlare fortemente, ma il suono giunge come soffocato – scrive ancora il gip – entra l’altra donna che chiede ‘cosa fai a lei?‘ subito dopo si sentono le urla strazianti anche della seconda donna che viene aggredita, poi si sente prima il rumore di una porta che sbatte e poi il rumore più forte di un’altra porta, probabilmente quella di ingresso, che viene aperta e dal minuto 2.41 si sente il rantolo di una delle donne in fin di vita ritrovata agonizzante sul pianerottolo; dopo qualche minuto si sente la voce del portiere e poco dopo dei soccorritori».

La telefonata della sorella di De Pau al 112

Nell’ordinanza vengono citate testimonianze e anche la telefonata della sorella di De Pau ai carabinieri: «Mio fratello è sparito da ieri, sotto l’uso di sostanze, completamente fuori di testa, una persona che non sta bene quando fa uso di sostanze… L’ho sentito questa notte e parlava di donne uccise, di sangue, di coltelli e di cose varie, mi ha detto che c’era sangue, perché quella stava nel letto, perché poi c’erano i servizi segreti, perché poi lui diventa matto quando fa uso di sostanze».

Per gli inquirenti, invece, De Pau sapeva cosa aveva fatto tanto da chiedere aiuto per ottenere un passaporto falso a due prostitute (leggi qui) e inviando una di loro dalla sorella per farsi dare carta di credito e soldi, nel chiaro tentativo di darsi alla fuga. Alla ragazza cubana disse di chiamarsi Eudo Giovanoli, mostrandole una carta d’identità e, dicendole che era «uno molto cattivo, ho ucciso molte persone». Insomma per il gip tutti i dati raccolti «fanno presumere che fosse pienamente consapevole dei gravissimi fatti da lui commessi».

L’ultimo tassello, quello relativo l’arma, non è stato ancora completato. Nell’auto Toyota Iq abbandonata in strada dopo un incidente il giorno successivo ai delitti (leggi qui), e poi portata da un carroattrezzi in un deposito, è stato rinvenuto un coltello ma per gli inquirenti non è quello utilizzato per uccidere le tre donne. La mancanza dell’arma però appare, quasi, un dettaglio in un quadro probatorio già solido. La difesa potrebbe tentare la carta dell’infermità mentale: «il profilo psichiatrico di De Pau va esaminato», dice l’avvocato Alessandro De Federicis. Ma per il gip De Pau ha «una personalità particolarmente violenta, aggressiva e priva di freni inibitori».

Questo modus operandi ricorda un altro femminicidio avvenuto anni fa, vittima sempre una prostituta, e rimasto insoluto tanto che gli inquirenti riapriranno il caso per cercare eventuali collegamenti con De Pau.

Omicidi a Prati, il presunto killer cambia strategia. Non ricorda