Roma, “no” del Campidoglio alla marcia dei bambini delle scuole vestiti da vigili urbani

Originariamente prevista per il 25 maggio, la parata dei ragazzi delle scuole vestiti da vigili urbani non si terrà, per il dietrofront dell'ufficio di gabinetto del sindaco

polizia locale roma capitale

Roma: mercoledì prossimo, 25 giugno, non ci sarà nessuna marcia con i bambini delle scuole vestiti da vigili urbani. A pronunciarsi l’ufficio di gabinetto del sindaco, dopo che era stata ventilata l’ipotesi di metterla in atto per promuovere il prossimo ciclo di eventi sulla sicurezza stradale negli istituti scolastici. Ci si limiterà a svolgere delle attività ludiche negli spazi predisposti da ogni plesso.

Originariamente prevista per il 25 maggio, la parata dei ragazzi delle scuole vestiti da vigili urbani non si terrà, per il dietrofront dell’ufficio di gabinetto del sindaco

Il semaforo rosso è giunto direttamente dal Campidoglio.

Nel comunicato ufficiale diramato in queste ore si commenta laconicamente che verrà effettuata una “Attività formativa con momenti di interazione con gli alunni ed al termine dell’incontro saranni distribuiti attestati agli studenti”.

In origine il prossimo 25 maggio avrebbe invece dovuto svolgersi la marcia che prevedeva la partenza con lo schieramento in parata di ogni classe, in base ad un ordine stabilito ed i ragazzi dovevano essere vestiti di blu – come la divisa da vigile urbano – con cinturone bianco in cartoncino con tanto di logo e sul petto un adesivo con il logo “polizia di Roma Capitale”

Il percorso originale prevedeva l’arrivo all’anfiteatro antistante al parco Madre Teresa di Calcutta, l’intonazione dell’inno di Mameli ed i bambini che al momento dell’”attenti” dovevano gridare “Ro-Ma!”.

Tutto annullato. Perché? Perché qualche agente di polizia locale e qualche consigliere della maggioranza dem non ha gradito l’iniziativa, vista come troppo “militarizzata” e con un forte richiamo all’epoca fascista.

Il sindacato Sulpl, con in testa il segretario Marco Milani, si è espresso così al riguardo: “La politica deve ricordare e far rispettare ed apprezzare ai ragazzi la storia e la storia stessa è fatta di eroi e di eroismo che le polizie locali del nostro Paese, hanno tributato all’antifascismo”.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Roma, anche i vigili urbani potranno utilizzare il taser