Roma, auto in sosta senza assicurazione: non dovranno più essere rimosse dai vigili

Roma, auto senza assicurazione: una circolare dispone non debbano essere rimossi. UGL PL: "I colleghi potrebbero trovarsi a dover rispondere in caso di danni a terzi"

Roma: auto in sosta senza assicurazione, dovranno essere lasciate sul posto e non rimosse dal carro attrezzi. E’ quanto stabilisce una circolare a firma del Comandante della Polizia Locale di Roma Capitale Ugo Angeloni, che dispone già dai primi di aprile indicazioni che cambiano le regole relative a verbali e sequestri per i vigili urbani romani.

E questo vale anche per la miriade di roulotte e camper impiegati come alloggi di fortuna dei senza fissa dimora parcheggiati nei luoghi più disparati, incluso il lungomare di Ostia.

Roma, auto senza assicurazione: una circolare dispone non debbano essere rimosse. UGL PL: “I colleghi potrebbero trovarsi a dover rispondere in caso di danni a terzi”

Sebbene il Codice della Strada preveda l’affidamento del mezzo sequestrato al proprietario (ma solo ove presente), i vigili romani, avevano da sempre provveduto a rimuovere i veicoli non assicurati lasciati in sosta, anche al fine di prevenire futuri danni all’incolumità di cose e persone, che difficilmente verrebbero risarciti. Sulle nuove indicazioni, sollevano perplessità i sindacati, SULPL e UGL Polizia Locale.

Carri attrezzi che portano vie le auto in sosta sprovviste di assicurazione, una scena tipica e “raggelante”, che da sempre ha fatto passare la voglia agli automobilisti di lasciare il proprio veicolo non assicurato in strada, ma a cui sembra non dovremo più assistere

Da qualche tempo infatti, anche se non lo sapevamo, sembrerebbe che il rischio di sequestro con rimozione non ci sia più. A Stabilirlo una circolare che dispone dai primi di Aprile che gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale, che si imbattono in veicoli in sosta sprovvisti di assicurazione, debbano lasciare solo un biglietto sul tergicristallo, per poi redigere un verbale in ufficio e un successivo sequestro.

Se per i cittadini questa può sembrare all’apparenza una novità positiva, per risparmiare qualche seccatura e i soldi del dissequestro, sulle nuove disposizioni invece c’è da riflettere in termini di responsabilità civile e penale, fattispecie sulle quali di fondo ci tutela proprio l’obbligo di assicurare un mezzo anche fermo e parcheggiato su una strada pubblica.

E perplessità oltre a quelle analizzate, arrivano anche dal SULPL, nella nota del Segretario Romano Aggiunto Marco Milani, che con un tono polemico e forse anche sospettoso, lancia un “allarme” su quanto questo modus operandi potrebbe significare anche in termini di riduzione di operativi:

Tra segnalazioni ed inviti, nuovi sistemi di rilevazione degli incidenti che di fatto ridurranno a poche unità, gli agenti in grado di rilevare i sinistri, ci sembra che gli indirizzi provenienti dal Comando, vadano nel senso di ridurre l’operatività degli agenti su strada. Riduzione di operatività che si è già constatata con un vertiginoso calo delle attività di Polizia Giudiziaria. Non vorremmo che dietro questa tendenza possa celarsi una pianificazione volta a creare le condizioni per esternalizzare taluni delicati servizi, sottraendoli alle garanzie e competenze del pubblico impiego, magari continuando ad incrementare le figure ausiliarie. Se cosí fosse, vigileremo – Concludono da Sindacato”.

Il Coordinamento Nazionale UGL-PL: “Stiamo valutando azioni legali di tutela dei colleghi”

Sulle nuove indicazioni si alza anche la voce del Coordinamento Nazionale UGL-Polizia Locale:

“Stiamo valutando eventuali azioni legali di tutela per i colleghi che, con queste modalità non-operative, potrebbero trovarsi a dover rispondere di omissioni in caso di danni a terzi causati dalla presenza ostacolante di monopattini su marciapiedi o attraversamenti pedonali oppure per concause determinate dalla presenza di veicoli in sosta prive di assicurazione obbligatoria – tuona il Coordinatore Nazionale Ugl-Pl Sergio Fabrizi – ma prima di tutto vogliamo sentire la voce del Sindaco Gualtieri sull’indirizzo gestionale del Corpo che nell’ultimo anno sta venendo smontato pezzo a pezzo in un’imbarazzante silenzio di confronto sindacale”.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Codice della Strada, giro di vite su monopattini e guida con cellulare in mano